L’orgia dei tre giocatori del Leicester City con le frasi razziste VIDEO

Si sono filmati mentre facevano sesso con tre ragazze thailandesi in una stanza d’hotel

Leicester City

Tre calciatori della squadra del Leicester City , che gioca nella Premier League, sono state rimandate a casa dopo essere rimaste coinvolte in uno scandalo sessuale e razzista durante il tour post stagione in Thailandia.Tom Hopper, Adam Smith e James Pearson, si sono filmati mentre facevano sesso con tre ragazze thailandesi in una stanza d’hotel. Uno dei giocatori nel video pubblicato dal Mirror chiama la donna “piccoli occhi”. I tre sono stati mandati a casa prima del resto della squadra e si sono scusati per le loro azioni. Un rappresentante del Club di Football ha parlato a proposito dello scandalo:

Il Leicester City Football Club è molto preoccupato riguardo tre dei nostri professionisti e quello che hanno fatto recentemente in Thailandia. I nostri giocatori devono rappresentare il nostro Club di Football, anche durante la loro vita privata. Tom Hopper, James Pearson e Adam Smith vorrebbero scusarsi per il loro comportamento, scusarsi con le donne coinvolte, con il loro Club e i loro proprietari e anche con i fan del club e le loro famiglie.

Leicester City (1)

Nel video si possono sentire chiaramente frasi razziste nei confronti delle donne che hanno preso parte all’orgia con i tre famosi giocatori. Il video si conclude addirittura con Hopper e Pearson che si danno il cinque come se avessero appena fatto goal in una partita. Certo un comportamento che va completamente contro i valori che il club di Leacester City voleva trasmettere. Sicuramente andare contro il razzismo era uno di questi. I tre giocatori hanno sicuramente portato vergogna con questo scandalo!

L’orgia dei tre giocatori del Leicester City con le frasi razziste VIDEO

Tags:

Autore: Noemi Usai

Sono nata a Roma ho 21 anni e studio canto. E collaboro a Superstarz!

0 commenti per “L’orgia dei tre giocatori del Leicester City con le frasi razziste VIDEO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche