Eros Ramazzotti e “le minacce di morte” alla Partita del cuore

Altro che buoni sentimenti

eros ramazzotti nedved

Ieri alla Partita del cuore di buoni sentimenti se ne sono visti pochi: La scena che tutti ricorderanno è il tunnel che il rapper Moreno ha fatto a Nedved:

Lui non deve aver gradito “l’umiliazione” perché poco dopo ha reagito commettendo un brutto fallo contro l’ex concorrente di Amici. Nedved gli rifila un bel calcione, e tutta la squadra dei cantanti protesta:

Pochi minuti dopo, entrata ‘folle’ di Nedved sul povero Moreno, roba da ‘arancione’ in una finale di Champions. Il malcapitato rapper sopravvive e già questa è una notizia. Cerca di capire, evitando di arrabbiarsi, perché con Nedved finirebbe male. Molto male. Arriva il compagno Luca Barbarossa, che urla di tutto al dirigente juventino, appoggiato all’istante dal vecchio cuore bianconero, Eros Ramazzotti. Si sfiora la rissa e lo spirito della Partita del Cuore se ne va a far benedire…

E Ramazzotti racconta su Instagram cosa è successo in quei momenti dal suo punto di vista:

❤️Quando una persona in un campo di calcio in una partita benefica ti dice:” se mi ritocchi ti ammazzo qui davanti a tutti”, tu che fai?? Prendi e te ne vai⁉️⁉️⁉️Io non ho fatto altro che andare di fronte a lui dicendogli di uccidermi, ne più e ne meno. Io sono buono ma le ingiustizie e le minacce non le accetto. La sua reazione poteva e doveva essere molto più pacata ed intelligenteCmq la vita và avanti, ringrazio tutti quelli che ogni giorno fanno qualcosa per qualcuno che ce ne ha bisogno, senza fare i fenomeni e i giocolieri saltimbacchi prendendo per il culo gli altri, ma impegnandosi veramente con il cuore❤️

Secondo quanto afferma il cantante dunque avrebbe ricevuto delle minacce dopo le proteste per il fallaccio. E ora aspettiamo la risposta

Tags:

0 commenti per “Eros Ramazzotti e “le minacce di morte” alla Partita del cuore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche