“Ciao mi chiamo Briga e ti racconto (di nuovo) quanto rosico per il secondo posto ad Amici”

Nuova intervista per il rapper che non deve chiedere mai

mattia briga

Non che non si fosse capito, ma Mattia Briga il rapper di amici 14 ha ammesso che il secondo posto non fa per lui in un intervista pubblicata da TGcom24. Alla domanda “cosa significa per te il secondo posto?” Briga risponde

Non mi piace, lo ammetto. Vorrei sempre avere tutte le persone dietro e mai essere dietro a qualcuno. Arrivare secondo però mi ha dato la possibilità di farmi vedere fino all’ultimo. E di far conoscere la mia musica.

Nonostante questo però il rapper confessa di aver un bel rapporto con il vincitore di Amici, Stash.

Ho legato molto con Stash, è un ragazzo meraviglioso e con una competenza musicale invidiabile. Professionalmente siamo agli antipodi, io sono un autodidatta, sono più autore che musicista ma umanamente siamo due casinisti. Nella scuola un pomeriggio ci hanno beccati a fumare, insieme ci siamo trovati benissimo, gli auguro tutto il bene del mondo.

Nell’intervista Mattia Briga parla anche del rapporto con Emma, la sua coach per tutto il percorso del serale di Amici, e degli scontri con Loredana Bertè.

Il nostro rapporto è sempre stato basato sulla sincerità, siamo due persone molto genuine io e Emma. Quando vengono a contatto due caratteri così forti gli attriti sono inevitabili, ma sono compensati con momenti di vera amicizia. Mi ha consigliato di studiare molto e di rilasciare le interviste. Loredana invece è una artista che io ammiro, non credo che si ricrederà nei miei confronti. Ci siamo abbracciati durante la finale, siamo diversi come gusti musicali. Il nostro rapporto è nato e finito davanti alle telecamere.

Briga aveva già spiegato a Vanity Fair il suo dolore:

Mattia Briga rilascia un’intervista a Vanity Fair dopo la sconfitta contro Stash e i Kolors alla finale di Amici. Il rapper confessa di aver “rosicato” per essere arrivato secondo:

È arrivato secondo alla finale di Amici: c’è rimasto male?
«Mi ritengo una persona molto competitiva, che sente l’agonismo in maniera molto intensa. È ovvio che, lì per lì, io abbia rosicato un po’, come si dice a Roma. Ci sono rimasto male perché non mi piace arrivare secondo in niente, ma me l’aspettavo. Mi rendo conto che, in televisione, con il mio carattere possa essere stato un po’ fastidioso e che abbia fatto incazzare più di qualcuno, ma i The Kolors hanno avuto una condotta senza sbalzi e molto lineare: questo conta molto per il pubblico».

E racconta anche il suo rapporto con Loredana Bertè:

Ora che è tutto finito, con la Bertè come è rimasto?
«Durante le prove della finale ci siamo salutati e mi ha fatto i complimenti per la strofa che ho scritto per Almeno tu nell’Universo. Ho cercato di giocare sulla metafora della canzone, quando Mia Martini dice “un punto sei che non ruota mai intorno a me”, perché il suo uomo è il Sole e lei è la Terra che gli ruota attorno. Loredana è una donna intelligentissima, che ha sempre fatto delle critiche molto pertinenti e competenti sul lato musicale, ma dispiace che, con me, si sia troppo concentrata sul mio carattere. Doveva regalarmi qualche spunto critico come ha fatto con gli altri».

Che Briga avesse rosicato si poteva capire benissimo anche senza intervista, solamente osservando il suo comportamento social:

Vi ricordate Briga, il rapper di Amici 14 che si sentiva la vittoria in tasca e invece oooops è arrivato secondo? Oltre a baci e abbracci con Stash durante l’annuncio della premiazione in diretta come si è comportato sui social network? L’ultimo tweet di Briga (o meglio del suo staff) su Twitter chiedeva il voto per la finale:

briga amici 14

Poi il silenzio. Nessun ringraziamento a tutti i fan che lo hanno supportato, a Maria De Filippi, manco un ciao. O meglio manco un ciao fino al momento in cui Briga ha potuto nuovamente dire “so il più figo”. Infatti il tweet successivo è del 7 giugno e riporta un articolo che parla della folla che si è creata a Roma, in via Giolitti, per la firma del suo cd:

“Questa è la mia vittoria” dice Briga. E va benissimo eh. Ma avrebbe potuto parlare prima di sentirsi supportato dalla presenza fisica di 2mila persone. O non si sente sicuro dell’affetto dei suoi fan? Fatto sta che da quel momento i profili twitter e instagram del rapper sono un crescendo di manifestazioni di autocelebrazione:

“”Ma ‘ndo va Briga, tra due mesi se scordano tutti di lui”. ……ANFATTI.” cinguetta. A parte il fatto che due mesi ancora non sono passati, ma davvero ha bisogno di conferme del genere per rispondere alle critiche, le solite che vengono fatte più o meno a tutti? A noi tutto ciò sa tanto di rosicata. A Briga vorremmo dire che una delle prime regole di internet è “don’t feed the troll”. Forse ancora non lo sa.

Tags:

Autore: Noemi Usai

Sono nata a Roma ho 21 anni e studio canto. E collaboro a Superstarz!

0 commenti per ““Ciao mi chiamo Briga e ti racconto (di nuovo) quanto rosico per il secondo posto ad Amici””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche