La Belly Button Challenge è dannosa per la salute?

I dottori sono preoccupati che questa challenge possa promuovere tra i teenager uno stile di vita sbagliato, e portarli ad un’alimentazione non sana

Belly Button Challenge

All’inizio c’era la #KylieJennerLipChallenge, dove ragazzini cercavano di succhiare da un bicchiere di vetro per avere le labbra più grandi, dopo è arrivata la #CharlieCharlieChallenge, dove i ragazzini cercavano di richiamare i demoni, ed ora c’è la #BellyButtonChallenge. La nuova bizzarra sfida di internet chiede di toccare il proprio ombelico facendo passare il braccio dietro la schiena, come avevamo raccontato la settimana scorsa.

Ma la Belly Button Challenge ha anche creato delle polemiche. Come dicevamo solo essendo estremamente magre si riesce a superarla, e molte ragazze che non possono toccarsi l’ombelico si preoccupano di essere sovrappeso, anche basandosi su un fantomatico studio americano che sancirebbe che chi non riesce a fare la Belly Button Challenge deve dimagrire. Non è così: lo studio non esiste e i nutrizionisti non considerano la prova importante per determinare la salute e il peso corretto.

SuperstarzGallery clicca per ingrandire le immagini

Secondo chi ha provato e chi è riuscito a completare la Belly Button Challenge, per riuscire a toccarsi l’ombelico bisogna avere una vita molto piccola e quindi essere molto magri. I dottori sono preoccupati che questa challenge possa promuovere tra i teenager uno stile di vita sbagliato, e portarli ad un’alimentazione non sana. “Challenge di questo tipo possono creare insicurezze sul proprio corpo, confrontandosi con chi riesce a superare la sfida, sopratutto per chi soffre già di disturbi alimentari, noi appoggiamo sfide che promuovono l’esprimere se se stessi non che critichino il corpo” ha detto Claire Mysko della National Eating Disorder Association ad ABC News.

Autore: Noemi Usai

Sono nata a Roma ho 21 anni e studio canto. E collaboro a Superstarz!

0 commenti per “La Belly Button Challenge è dannosa per la salute?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche