Il cane sepolto vivo salvato in extremis

Il mastino francese, malato di artrite, era stato legato ad un sacco di ghiaia per impedirgli di liberarsi. Quando è stato trovato era scioccato e disidratato

cane sepolto vivo Carrieres-sur-Seine

Un cane è stato sepolto vivo e salvato da un passante in Francia a Carrieres-sur-Seine, a est di Parigi. Il mastino francese è stato scoperto e quindi salvato sabato da un uomo che stava passeggiando con il suo cane quando ha notato la testa del povero animale che a malapena spuntava dal terreno. L’uomo ha postato le foto su Facebook spiegando: “Solo la testa era visibile ed era difficile vederla data la quantità di terra che lo copriva.”

Una fonte della polizia ha spiegato all’agenzia AFP che il cane era circondato da pietre e legato a una sacca di ghiaia per impedirgli di liberarsi dalla terra. L’uomo ha chiamato i servizi di emergenza e ha cominciato a liberare l’animale. Il cane, “scioccato e disidratato”, secondo la fonte della polizia, è stato portato in una vicina clinica veterinaria. La polizia ha rintracciato in poco tempo il proprietario 21enne del mastino francese che ha negato di aver seppellito il cane dicendo che l’animale era fuggito. Ma per gli investigatori questo è “poco plausibile”. “Il cane è più di 10 anni e soffre di artrite. È difficile immaginare la sua fuga”, ha detto una fonte vicina alle indagini. Il prorietario rischia due anni di carcere e una multa di 30mila euro. Su internet è scattata l’indignazione e in una petizione online, in cui si chiede la massima pena, sono state superate le 130mila firme.

0 commenti per “Il cane sepolto vivo salvato in extremis”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche