“Mi chiamo Vera Atyushkina, ero velina e non lavoro perché non voglio fare sesso”

Lei denuncia: “I casting sono molto spesso solo una pura messa in scena”

Vera Atyushkina

Oggi racconta la storia di Vera Atyushkina, ex velina dell’edizione 2004 di Striscia la Notizia:

Dopo il debutto in tv nel 2004 come velina a Striscia la Notizia, Vera Atyushkina è letteralmente scomparsa dal piccolo schermo. “Non mi hanno più fatto lavorare perché non ho voluto scendere a compromessi”, si sfoga in esclusiva con Oggi la modella e presentatrice. Di brutte esperienza Vera ne ha collezionate parecchie. Anche di recente, stando al suo racconto.

23settembre 2004 Ho vinto Veline!!!!

Posted by Vera Atyushkina on Domenica 23 settembre 2012

Quindi Vera non avrebbe più lavorato perché non è scesa a compromessi? Il che significa che tutte le altre veline lo hanno fatto? Mistero:

“Solo qualche mese fa, mi è arrivata la proposta di condurre un concorso di bellezza che sarebbe stato poi trasmesso su un canale della piattaforma di Sky. Nonostante non avessi ancora firmato il contratto, sembrava che la cosa fosse ormai certa. Potete immaginarvi la mia delusione quando, alla fine della cena di lavoro fissata per definire gli ultimi dettagli, il titolare dell’agenzia organizzatrice della manifestazione prima mi ha offerto un regalo, che ho rifiutato con fermezza e poi, non contento, mi ha invitata a salire in camera d’albergo. Per farla breve, non ho accettato di fare sesso con lui e a condurre il concorso è stata chiamata un’altra ragazza”.

SuperstarzGallery clicca per ingrandire le immagini

La Atyushkina però poi corregge il tiro. La colpa è degli “agenti poco seri”:

“Ho capito a mie spese che in Italia per lavorare in tv occorre affidarsi a un agente serio e capace di proteggerti. Io purtroppo, ai tempi di Striscia, mi lasciai abbindolare da un manager disonesto che mi ha truffata e fatto perdere i mesi di maggiore popolarità. In seguito, mi sono arrangiata da sola e ho scoperto che i casting per le piccole e medie produzioni molto spesso sono una pura messa in scena: alla fine scelgono sempre raccomandate, mogli o fidanzate di uomini influenti o ragazze compiacenti, disposte a salire in camera d’albergo con il potente di turno”.

Forse Vera ha trovato un agente che le ha spiegato che per avere visibilità bisogna usare la tecnica chiagne e fotti.

Tags:

0 commenti per ““Mi chiamo Vera Atyushkina, ero velina e non lavoro perché non voglio fare sesso””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche