Voleva fare un selfie gangsta ed è morto

Il Darwin Award del giorno va a Deleon Alonso Smith, che non sapeva che puntarsi un’arma alla testa e premere il grilletto poteva avere una cattiva influenza sulla sua vita

Un selfie ben riuscito di Deleon Alonso Smith recuperato su Facebook (fonte http://www.nydailynews.com/ via Facebook.com)

Deleon Alonso Smith aveva diciannove anni e due figli quando ha deciso di intraprendere la carriera del gangsta. Come sapranno i fan del Club Dogo per essere uno di quelli che fanno brutto è necessaria, anzi quasi obbligatoria, una foto con un’arma in pugno. Altrimenti la tua street cred va a farsi benedire. Succede che Deleon Alonso Smith e suo cugino riescano a procurarsi una pistola (trovandola chissà dove) e decidano di scattarsi qualche selfie, così, tanto per farsi belli bulli.

video platformvideo managementvideo solutionsvideo player

BOOM HEADSHOT

Houston, Texas, l’una e trenta del pomeriggio, niente da fare, domani inizia la scuola ed è giusto farsi una nuova foto profilo per Facebook, in modo da far capire ai compagni di che pasta si è fatti. Ma probabilmente qualcosa è andato storto perché ad un certo punto è partito un colpo, e quel lampo non era il flash. Il cugino di Smith, che secondo gli investigatori era in un’altra stanza, è accorso ma per Deleon non c’è stato nulla da fare, si era sparato alla gola. Comprensibile lo sconcerto dei parenti della vittima, soprattutto dei due zii che hanno ricordato come il ragazzo avrebbe dovuto iniziare di lì a poco la sua avventura al college.

Un selfie ben riuscito di Deleon Alonso Smith recuperato su Facebook (fonte http://www.nydailynews.com/ via Facebook.com)

Un selfie ben riuscito di Deleon Alonso Smith recuperato su Facebook (fonte http://www.nydailynews.com/ via Facebook.com)

0 commenti per “Voleva fare un selfie gangsta ed è morto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche