“Ho fatto sesso all’Expo”: i “festini hard” dietro l’Albero della Vita

“Se hai trovato chi ti interessa con un bicchiere o due che danno alla testa è più semplice staccarsi, appartarsi, andare in camporella”

expo sesso feste hard

Libero racconta il lato “a luci rosse” di Expo: quello delle feste non autorizzate, con sesso a gogo’:

Sì, lo ammetto: ho fatto sesso in Expo».A parlare è Marco,25 anni, volontario. Uno di quelli che girano per tutto il giorno sul Decumano con un enorme borsone,il laccio al collo con le spille di tutti i Paesi, le piantine alla mano e il sorriso affabile con cui è pronto ad aiutare tutti. Lui è uno dei party boys notturni. «Conosco tutti e tutte le feste, qui è un lavoro, è vero,ma sappiamo sempre come divertirci». La notte in Expo è giovane.O meglio,lo era. Perché dopo un’attenta riflessione, dopo i ricoveri per coma etilico raggiunto o sfiorato e le voci di veri e propri festini hard,la società ha deciso che le porte del sito espositivo vanno necessariamente chiuse per tutti alle 23. Senza alcuna eccezione,neppure per il personale che lavora al sito espositivo.

Una ragazza invece spiega come funziona:

«Dai, lo sapete bene come funziona» ci dicono abbassando leggermente il tono della voce «quando finisce una festa, la notte è ancora lunga, se hai trovato chi ti interessa con un bicchiere o due che danno alla testa è più semplice staccarsi, appartarsi,andare in camporella (in dialetto milanese, significa letteralmente «andare a fare l’amore nei prati»). Dove? «Nei cluster,o nelle aree dietro i padiglioni» ridono «a me piace dietro Food Love, nei pressi dell’Albero della Vita, più romantico»

E qual è il ruolo di app e social per trovare il partner della serata:

Federico ci spiega invece che lui, per non perdersi alcun appuntamento, controlla spasmodicamente il gruppo chiuso Inside Expo su Facebook. «È lì che si scoprono le feste migliori. Le mie preferite sono le Miss Mama, dove lo sballo è per davvero». Ma per darsi appuntamento,per trovare l’amore di una vita o anche di una sola notte, ci si affida anche ai social. «Soprattutto i più timidi», ci confermano dal padiglione dell’Olanda, uno dei centri della movida notturna. «Tanti di noi usano applicazione come Tinder o Grinder» ridacchiano. La vera fonte tuttavia si trova ancora una volta su Facebook.Spotted: Expo2015 è una pagina in cui, in forma anonima, si rendono pubbliche dichiarazioni d’amore (e di odio) verso qualcuno in un determinato ambiente

Alla granitara di tasta di fronte Cuba che quasi ogni giorno mi delizia con la sua fragolina, mi hai conquistata con il tuo sorriso e la tua voce stridula. Prima o poi spero di tastarti tutta!!

Posted by Spotted: Expo Milano 2015 on Giovedì 3 settembre 2015

SPOTTED: Spotted la fille au cheveux frisés t'es fucking chaude c'est quoi ton ptit nom 󾍇

Posted by Spotted Expo2015 on Lunedì 13 luglio 2015

Tags:

0 commenti per ““Ho fatto sesso all’Expo”: i “festini hard” dietro l’Albero della Vita”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche