La storia delle bolle di metano intrappolate sotto il ghiaccio

Avventurosi escursionisti si divertono a dare fuoco al metano intrappolato sotto la superficie dei laghi ghiacciati, ma cosa c’è sotto?

bolla metano ghiaccio - 2

Il Mirror ha pubblicato oggi un video in cui due ragazzi, dopo aver fatto un buco nel ghiaccio danno fuoco al metano che fuoriesce da sotto la superficie ghiacciata. Nel video si vedono chiaramente le fiammate fuoriuscire dal piccolo foro praticato sulla superficie di quello che, dal titolo del video caricato su YouTube, sembra essere un lago ghiacciato. L’esperimento, se così lo si può chiamare, diventa più spettacolare se svolto in notturna. Ed infatti i due protagonisti sono in azione anche di notte per scovare le bolle di metano intrappolate sotto il ghiaccio e perforare la crosta in modo da fare fuoriuscire il gas.

Ma com’è possibile una cosa del genere? Molto semplicemente succede che con l’aumentare della temperatura a causa del riscaldamento globale il permafrost (ovvero quello strato di terreno che resta sempre congelato anche durante la stagione estiva) inizia a sciogliersi. Il permafrost è costituito composti organici del permafrost, principalmente resti decomposti di alberi e animali, decomposti dai batteri la cui attività libera metano; generalmente però il metano rimane intrappolato al di sotto del permafrost ma il lento scioglimento di questo tipo di terreno contribuisce a liberare il gas sottostante.

fonte: ww.oceanairclimate.co.uk/2012/09/the-viscous-cycle-of-carbon-and-methane.html

fonte: ww.oceanairclimate.co.uk/2012/09/the-viscous-cycle-of-carbon-and-methane.html

Durante l’estate nei laghi del Nord America è possibile vedere delle bolle venire in superficie, naturalmente durante l’inverno queste bolle rimangono intrappolate al di sotto della spessa crosta ghiacciata. È abbastanza facile identificarle e quindi perforare il ghiaccio nel punto esatto per favorire la fuoriuscita -abbastanza violenta -del gas intrappolato nel ghiaccio.

bolle di metano intrappolate sotto la superficie di un lago ghiacciato fonte: dailymail.co.uk

bolle di metano intrappolate sotto la superficie di un lago ghiacciato fonte: dailymail.co.uk

Il fenomeno è stato anche oggetto di studio da parte di docenti e ricercatori dell’Università dell’Alaska di Fairbanks, qui intenti anche loro a perforare il ghiaccio:

Una delle preoccupazioni principali riguardanti il fenomeno è che il metano liberato nell’atmosfera possa contribuire in maniera rilevante all’aumento della temperatura su scala globale. Anche se per ora non c’è da preoccuparsi troppo, come spiega questo articolo di Le Scienze un eventuale aumento della temperatura in grado di causare lo scioglimento degli strati più profondi del permafrost potrebbe liberare nell’atmosfera maggiori quantità di carbonio e metano le quali contribuirebbero ad un ulteriore aumento della temperatura.

0 commenti per “La storia delle bolle di metano intrappolate sotto il ghiaccio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche