Ti racconto come sono diventata per colpa dell’Ecstasy

La ragazza è finita in sedia a rotelle dopo aver preso dell’MDMA. L’Ecstasy ti può svoltare una serata o può cambiarti la vita per sempre, sballatevi responsabilmente

mdma ragazza sedia a rotelle

Quello che non ti uccide ti rende più forte, dicono. A quanto pare non ha funzionato nel caso di Amy Thomson che è finita in coma a sedici anni dopo aver preso dell’MDMA (non si sa se sotto forma di cristalli o di pastiglie di Ecstasy). In realtà non si sa nemmeno se quella venduta a Amy fosse davvero MDMA, fatto sta che la ragazzina è rimasta in coma per oltre un mese. Ora per fortuna Amy si è svegliata e da un paio di mesi ha iniziato la riabilitazione. Ha anche pubblicato un video in cui ringrazia tutti per l’incoraggiamento e gli auguri ricevuti in questi mesi.

Certo è difficile pensare che Amy prima dell’incidente fosse così:

Amy Thomson prima dell'incidente

Amy Thomson prima dell’incidente

Colpa delle feste? Colpa delle discoteche? Colpa dell’MDMA? In fondo un sacco di persone ne fanno uso senza sperimentare effetti negativi. Ed è vero che anche altre tre amiche di Amy si sono sentite male dopo aver preso quella roba senza però finire in coma. Ma non dimentichiamo che ad inizio d’anno le autorità inglese avevano lanciato un allarme per una nuova droga sintetica simile all’Ecstasy le famigerate pillole Superman. Quattro ragazzi sono morti in Regno Unito dopo aver fatto uso di questo nuovo tipo di pillola che sarebbe venduta come Ecstasy con la differenza che il principio attivo al suo interno sarebbe un nuovo tipo di droga sintentica. Il PMMA invece che la consueta molecola di MDMA. Lo stesso tipo di Ecstasy “contraffatta” sarebbe inoltre tra i principali sospettati di sei decessi in Florida e di altri tre a Chicago l’anno scorso. La vicenda di Amy è un buon motivo per non drogarsi o smettere di farlo? Probabilmente no, ma è una ragione sufficiente per non fidarsi troppo del primo spacciatore che incontrare. Se proprio dovete calarvi una pasta andate da una persona di fiducia e “provata” competenza.

Tags:

Un commento per “Ti racconto come sono diventata per colpa dell’Ecstasy”

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Rubriche