Vale davvero la pena di comprare il nuovo iPhone6S?

Finalmente è stato svelato alle masse, ma il dubbio ora è, comprarlo o no? Ha senso cambiare telefono per avere una fotocamera da 12 megapixel? A quel punto prendetene una da 16

iphone6s - 1

Finalmente l’attesa è finita e potremo occuparci d’altro, ad esempio dei difetti del nuovo iPhone6S. Ma per fortuna per farlo dovremo aspettare che qualcuno lo compri, lo rompa, lo apra, lo faccia a pezzi con un’ascia. E per quello ci sarà da attendere il 25 settembre data in cui il prodotto verrà lanciato sul mercato. Ma ora concentriamoci sulle novità del nuovo smartphone di casa Apple, lanciato al grido “The only thing that’s changed is everything“. Ma è davvero così? Sì e no, come già previsto il nuovo iPhone non è un iPhone completamente nuovo, diciamo che è un “aggiornamento” del precedente modello. Nessuna novità riguardo al design quindi, ma “solo” per quanto riguarda alcuni componenti. Rispettate grosso modo le previsioni dei giorni scorsi, Apple ha tirato fuori dal cilindro tutto quello che ci si aspettava.

BUSINESS AS USUAL – Tim Cook durante il Keynote di ieri ha illustrato le caratteristiche principali dell’iPhone6S che verrà commercializzato in due versioni principali quella “base” e quella Plus. La differenza tra i due modelli è, come per l’iPhone6 e l’iPhone6 Plus, la dimensione dello schermo: il primo sarà da 4,7 pollici, il secondo da 5,5. È finalmente arrivata la nuova fotocamera da 12 megapixel, capace anche di registrare video a 4K in alta definizione. A parte questo la feature più importante (sì c’è il processore “più potente” e il nuovo iOS9) è il 3D touch. Che fino a ieri tutti chiamavano Force Touch e che consentirà al telefono di fare diverse azioni in base a quanto forte (o piano) si preme il dito sullo schermo. Sempre come anticipato ormai da giorni anche la fotocamera frontale, quella dei selfie, è stata aggiornata, passando da 1,2 megapixel a 5 megapixel. Non c’è il flash a led ma nel momento dello scatto lo schermo si illuminerà maggiormente in modo da creare un effetto flash più morbido. Il che vista la distanza ravvicinata vi eviterà di fare degli autoscatti stile foto segnaletica. Tutto qui? Ma no, c’è anche il nuovissimo colore Rose Gold.

Fonte: Theverge.com

Fonte: Theverge.com

CONVIENE? – Tenuto conto che nessuno ha ancora avuto modo di testare il nuovo smartphone Apple è difficile dire se conviene. Se siete dei fan di Apple il problema non si pone nemmeno. A meno che non siate già a fare la fila davanti all’Apple Store probabilmente vi metterete in fila lo stesso il giorno del lancio per poter cantare in coro le canzocine della Mela. Per voi non c’è niente da fare, mettete mano al portafoglio e preparatevi a sborsare dai 700 ai 900 euro per poter acquistare il nuovo melafonino che sicuramente sarà il migliore di sempre. Per voi.

Questo sarà il range di prezzo del nuovo iPhone6S Plus, negli USA

Questo sarà il range di prezzo del nuovo iPhone6S Plus, negli USA

Per tutti gli altri, senza dover per forza fare un endorsement di altre case produttrici, ricordiamo che se proprio si vuole avere lo smartphone con la fotocamera a maggiore risoluzione esistono già in commercio telefonini che scattano foto da 16 megapixel. Decisamente qualcosa in più dei 12 faticosamente raggiunti da Apple. Certo quando si compra un prodotto Apple si accede anche al magico mondo della Mela. Ma in quel caso, se già avete un iPhone6 non preoccupatevi di cambiarlo, ci siete già dentro. E poi nessuno su Facebook o Instagram si accorgerà della differenza nella qualità delle vostre foto. Insomma se potete permettervi (è gratis!1) di guardare con un occhio critico i prodotti di Apple sarete in grado di apprezzare la continuità nel continuare a proporre idee vecchie in un bel pacchetto. Se vi piace il design ovviamente questo è un plus. Se invece non vi piace farvi prendere in giro beh, fate voi i conti.

Tags:

0 commenti per “Vale davvero la pena di comprare il nuovo iPhone6S?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche