Quanto brucia un tradimento? Dipende se vi piastrano il pene o meno

Qualcuno ha ordinato un pene alla piastra?

piastra pene

Ecco un’idea geniale per tutte quelle donne che non sanno come fargliela pagare al partner per averle tradite. Il nuovo e al tempo stesso medioevale supplizio è stato inventato da Bronwyn Parker, una ventiduenne australiana che ha pensato bene di piastrare il pene del fidanzato con una piastra per capelli. Lei giura di averlo tenuto solo per qualche secondo, giusto per fargli sentire quanto male fa il tradimento. Ma la cosa peggiore è che il ragazzo – la cui identità non è stata resa nota – avrebbe consentito a subire il trattamento punitivo.

piastra pene -1

LA PROVA DEL FUOCO – Nei bei tempi andati per dimostrare la propria innocenza era necessario superare un’ordalia o una prova del fuoco ma in questo caso a quanto pare la Parker aveva già accertato che il suo fidanzato l’aveva tradita andando a letto con la sua ex-ragazza. Anche se si è protratta solo per pochi secondi però la piastratura del pene ha causato ustioni di terzo grado sul membro. E quella che doveva essere una “semplice” scottatura ha iniziato ad assomigliare ad una cottura alla piastra, peggiorata dal fatto che per la vergogna il ragazzo non si è recato subito in ospedale per farsi medicare. Secondo quanto riporta il Mirror il giudice che ha condannato la Parker a due anni di carcere avrebbe affermato che le lesioni subite dall’uomo potrebbero essere permanenti e compromettere per sempre la funzionalità dell’organo sessuale dell’uomo. Senza contare naturalmente i problemi psicologici. Ma quelli, uno che acconsente a farsi piastrare il pene con una piastra per capelli forse li aveva già. Insomma a quanto pare il pene alla piastra ha tutte le carte in regola per diventare il nuovo piatto tipico australiano. L’importante è che sia ben cotto.

0 commenti per “Quanto brucia un tradimento? Dipende se vi piastrano il pene o meno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche