Eligia Ardita: il marito confessa l’omicidio della donna incinta di otto mesi

Il marito la ha sempre sostenuto che la donna avesse avuto un malore, mentre dall’autopsia è emerso che è svenuta dopo aver ricevuto dei colpi in testa

eligia ardita

Svolta nelle indagini sulla morte di Eligia Ardita, l’infermiera siracusana di 35 anni, incinta di otto mesi, morta il 19 gennaio scorso nella sua abitazione in circostanze misteriose. Per il marito la moglie avrebbe avuto un malore, mentre dall’autopsia è emerso che la donna è svenuta dopo aver ricevuto dei colpi in testa. Il marito, Christian Leonardi, come si apprende, avrebbe confessato di avere ucciso la moglie. L’uomo viene interrogato in queste ore dai magistrati di Siracusa. E’ stato lui a presentarsi, con il suo legale, dagli inquirenti. E’ stato decisivo l’intervento dei Carabinieri del Ris di Messina che proprio ieri hanno fatto un sopralluogo nell’abitazione della coppia. I genitori della giovane da mesi accusano il genero sostenendo che sia lui il responsabile della morte della figlia. La donna, secondo il racconto del marito, si sarebbe sentita male dopo cena.

ELIGIA ARDITA: IL SOPRALLUOGO DEI RIS – Leonardi si è presentato stamane alla caserma dei carabinieri accompagnato dal suo legale. Decisivo l’intervento dei Ris di Messina che ieri hanno effettuato un sopralluogo nella casa di via Calatabiano dove la coppia risiedeva, dopo il sequestro disposto dal procuratore aggiunto Fabio Scavone. Eligia Ardita, incinta di otto mesi, si sarebbe sentita male dopo cena. Dopo l’arrivo dell’ambulanza, il trasferimento al pronto soccorso dell’ospedale Umberto I dove sarebbe giunta cadavere. Ad accendere i riflettori sulla vicenda, l’esito dell’autopsia che avrebbe rivelato delle lesioni al capo.

Tags:

0 commenti per “Eligia Ardita: il marito confessa l’omicidio della donna incinta di otto mesi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche