“Il marito di Scialpi ha mentito sulle discriminazioni in ospedale”

Roberto Blasi accusa la struttura ospedaliera di discriminazione e invoca l’approvazione delle Unioni Civili, ma un anonimo dipendente dell’ospedale smentisce la ricostruzione del coniuge del cantante

scialpi ospedale unioni civili

Giovanni Scialpi e Roberto Blasi sono sposati, lo sanno tutti. I due hanno partecipato mesi fa alle registrazioni della quarta edizione italiana di Pechino Express: il nuovo mondo (dove sono usciti alla quarta puntata) e non passa giorno che non siano da qualche parte in televisione. Insomma diciamo che se anche non sapete chi è Scialpi difficilmente sarete all’oscuro del fatto che è omosessuale e che è sposato. Mentre infatti in Italia continua a dilungarsi il dibattito sulle Unioni Civile Blasi e Scialpi non hanno perso tempo sono volati a New York per convolare a nozze.

chi scialpi signorini

LASCIATO FUORI E TRATTATO COME UN ESTRANEO – In un modo o nell’altro, i due sono riusciti a costruirsi l’immagine di difensori dei diritti civili. Non staremo qui a discutere sul fatto che sia vero o meno perché non è così rilevante, sono personaggi del mondo dello spettacolo che devono pur trovare un modo per tirare avanti. Scialpi/Shalpy e il suo manager Roberto hanno anche ottenuto la consacrazione ufficiale da parte della bibbia del gossip, una copertina su Chi dopo le nozze. Certo, non è il servizio in esclusiva concesso da tante coppie di famosi etero ma è una buona notizia per poter parlare di omosessualità anche in modo normale (naturalmente entro i limiti della normalità di un tabloid scandalistico). Ora come saprete voi che siete sempre informatissimi sulla vita di Scialpi/Shalpy qualche giorno fa il cantante (??) è stato ricoverato in ospedale per misteriosi problemi cardiaci. Stando a quanto ha raccontato Blasi praticamente ovunque i medici però non gli avrebbero consentito di entrare a fare visita al marito per la solita storiaccia di omofobia e mancato riconoscimento dei diritti delle coppie omosessuali. Il marito e manager dell’artista un tempo conosciuto con il nome di Scialpi si è sfogato sui social

Se ne è parlato da Bruno Vespa (forse una puntata riparatoria dopo la gaffe sui gay “per bene” e la lobby gay del vaticano)

Se ne è parlato a un giorno da pecora:

E pure Monica Cirinnà, la relatrice della famosa legge sulle Unioni Civili ha espresso la sua solidarietà alla coppia Blasi-Shalpy/Scialpi:

blasi scialpi cirinnà

LO SGOOB DELLA ZANZARA – Ovunque la storia è la stessa, Scialpi/Shalpy è stato operato al cuore ma il marito non ha potuto assisterlo perché gli è stato negato l’accesso e Blasi è stato costretto a rimanere fuori per due ore senza avere alcuna notizia del consorte. Della faccenda si è occupato anche Cruciani durante la Zanzara. Dopo la messa in onda dell’intervista a Roberto Blasi ha telefonato un certo “Franco”, dipendente dell’ospedale dove è stato ricoverato il cantante (??) che era presente in sala operatoria durante l’intervento. Secondo “Franco” quando Scialpi/Shalpy è uscito dalla sala operatoria Blasi non era presente, c’era invece una donna che è stata lei a telefonare a Roberto per raccontargli come erano andate le cose. Insomma secondo “Franco” Roberto non sarebbe stato lasciato fuori e trattato come un estraneo semplicemente perché non c’era in ospedale. La faccenda si ingarbuglia sempre di più.

Tags:

0 commenti per ““Il marito di Scialpi ha mentito sulle discriminazioni in ospedale””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche