La storia della piccola grande bufala di Al-Chihuahua

Syrian Lannister demands a trial by Jihad

Al-Chihuahua terrorista nano jihadista

La cattiveria e la determinazione di Renato Brunetta e l’istinto omicida di Simoncino. Questo è Abu Ahmad Al-Chihuahua: il musulnano jihadista che terrorizza l’Occidente. Se c’è una cosa che abbiamo imparato dal Signore degli Anelli e da Games Of Thrones è che anche i nani sono capaci di combattere. E quando il gioco si fa duro anche Tyrion Lannister ha dimostrato di saper combattere.

Il terrorista nano soprannominato Al-Chihuahua (fonte: Twitter.com)

Il terrorista nano soprannominato Al-Chihuahua (fonte: Twitter.com)

TI JIHADIZZO DENTRO NA NA GROTTA – Del simpatico Al-Chihuahua purtroppo sappiamo davvero troppo poco. La sua foto è comparsa su Twitter dopo essere stata condivisa da Leith Abou Fadel giornalista del giornale online Al-Masdar News. Abou Fadel non sa nemmeno il vero nome del soldato formato tascabile. Si sa solo che combatte tra le fila del gruppo jihadista Jabhat Al-Nusra che combatte sia contro il regime di Assad che contro l’ISIS. Non sapendo se Al-Chihuahua esiste veramente o meno ci piace immaginare che sia un reduce del Vietnan e che il suo sogno sia un giorno portare il jihad nel cuore dell’Europa: a Legoland.

Abu Ahmad Al-Chihuahua kalashnikov

LA VENDETTA DI SYRIAN LANNISTER – In realtà sembra che tutti i giornali non sappiano usare Google Immagini, ad esempio per notare che qualcuno aveva postato una foto del mitico Al-Chihuahua tre giorni prima di Leith Abou Fadel. Il post dell’account twitter satirico francese Direct Catin (la cui tagline è On suce des bites, mais au moins on n’est pas au chômage) sui nani jihadisti risale infatti al 25 settembre, mentre la scoperta di Abou Fadel al 28 settembre. Il post è stato retwittato anche dall’account dei PR dell’ISIS (altro fake, ovviamente).

Ma non mi dite, era un fake?

Ma non mi dite, era un fake?

Ed è davvero con rammarico che annunciamo che prestigiose testate come Il Giornale o Dagospia ci sono cascate in pieno.

Al-Chihuahua terrorista nano jihadista il giornale fail

Chi è davvero allora il terribile jihadista nano? Non lo sa nessuno, magari è un nobile decaduto che per scappare da una condanna a morte ha chiesto di poter sostenere un Duello di Dio (termine molto più appropriato che “processo per combattimento”).

trial by jihad

E a ben cercare di jihadisti tascabili ce ne sono parecchi in giro, strano che nessuno se ne sia mai accorto eh? In fondo che differenza c’è tra Games of Thrones e l’ISIS? Da entrambe le parti ci sono decapitazioni, massacri di bambini e di innocenti, stupri delle donne catturate in battaglia e – ora lo sappiamo – nani assassini.

0 commenti per “La storia della piccola grande bufala di Al-Chihuahua”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche