Loiza Lamers: la trans che vince Next Top Model e viene insultata dagli italiani

Attenzione! Si tratta di “malattie mentali, di devianze” addirittura della terrificante “MISOGENIA”. Ma ci dobbiamo sempre far riconoscere?

Loiza Lamers insulti 1

La finale di Holland’s Next Top Model è andata in onda la scorsa notte e a vincere è stata Loiza Lamers. La corona è stata vinta per la prima volta nella storia da una concorrente transessuale, anche se in passato in altre edizioni del format a livello mondiale avevano partecipato altre trans.

Guarda il video della vittoria di Loiza Lamers:

Come racconta Cosmopolitan, durante le audizioni Loiza Lamers non aveva raccontato ai produttori il suo passato, e in fondo ha fatto bene, visto che al momento in cui faceva il casting era ed è una donna a tutti gli effetti. Nonostante questo però era improbabile che non si venisse a sapere la verità e così durante un episodio del programma Loiza ha confermato i rumors su di lei che giravano su Internet. Di certo questo suo piccolo “segreto” non l’ha fermata dal prendersi il primo premio e diventare la nuova Holland’s Next Top Model!

SuperstarzGallery clicca per ingrandire le immagini

 

Ma una notizia così “normale” in Italia non viene ancora vista come tale. Basta leggere i commenti alla pagina Facebook del Corriere della Sera in cui è stata raccontata la vittoria di Loiza:

 

Loiza Lamers insulti

 

Malattie mentali, devianze. La storia di Loiza non può essere scambiata per una “vita sana e piena di bei principi”. Ma non finisce qui:

 

Loiza Lamers insulti 3

 

Ragazzi fermi tutti. “È misogenia!”. Neanche il dottor House sa fare delle diagnosi così velocemente.

Loiza Lamers insulti 2

Insomma, usando lo stesso ragionamento chi è sterile si attacchi pure al c… e tiri forte. La Natura non si tocca e a chi tocca non si ingrugna.

 

Tags:

Autore: Noemi Usai

Sono nata a Roma ho 21 anni e studio canto. E collaboro a Superstarz!

0 commenti per “Loiza Lamers: la trans che vince Next Top Model e viene insultata dagli italiani”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche