Il ritorno della whatsapp-novela di Cristina e Luca

Cristina torna a tormentare Luca in occasione del suo ventunesimo compleanno, ma la storia ormai non è più coinvolgente come un tempo..

cristina luca whatsapp compleanno maledetto - 2

È il momento di prendere atto dell’esistenza di un nuovo genere letterario: l’epistolario via WhatsApp. È un genere che vanta progenitori illustri giusto per ricordarne alcuni, quelli sui quali ci siamo scontrati durante le superiori le lettere di Seneca e di Cicerone per arrivare ai romanzi epistolari di Goethe e Ugo Foscolo (per tacere di Paolo di Tarso). Ma non dimentichiamoci che anche due capolavori del genere horror sono in forma epistolare. Si tratta di Dracula di Bram Stoker e Frankenstein di Mary Shelley. E se ci pensate anche la storia raccontata dagli autori degli scambi via WahtsApp tra Cristina e il suo ex-fidanzato Luca è un po’ una storia dell’orrore.

 

Il nuovo episodio della saga di Cristina e Luca (fonte: Facebook.com)

Il nuovo episodio della saga di Cristina e Luca (fonte: Facebook.com)

CRISTINA E LUCA UNITI DAL DESTINO – Va dato atto ai creatori della pagina Mentire alle spunte blu di WhatsApp d aver scoperto una vera e propria chicca. Gli autori della serie di messaggi disperatissimo di Cristina ci hanno regalato momenti di puro terrore. Lo stesso che si può provare vedendo la foto del bambino all’inizio del messaggio. In quanti hanno temuto o sperato che si trattasse della famosa creaturina che Cristina portava in grembo nel corso della prima stagione? Purtroppo però la scrittura degli autori è davvero caduta in basso. Il pubblico ora vuole leggere racconti con più pathos come il dramma a lieto fine del tipo in coda da cinque ore al padiglione del Kazakhstan. E cosa importa se è inventata. Nessuno ha mai pensato che il mostro di Frankenstein sia realmente esistito.

Tags:

0 commenti per “Il ritorno della whatsapp-novela di Cristina e Luca”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche