Valeria Solesin: l’italiana irrintracciabile a Parigi

Si trovava al Bataclan

valeria solesin morta bataclan parigi

Valeria Solesin è una ragazza italiana che ieri, durante gli attentati di Parigi, si trovava nel teatro Bataclan, dove sono state uccise decine di persone con il suo fidanzato. Su Facebook gli amici stanno diffondendo un appello per avere informazioni su di lei, che ancora non è stata rintracciata:

L’appello per Valeria Solesin è stato diffuso anche in francese:

Spiega un’amica:

“Sappiamo che non è fra le salme identificate. Il suo ragazzo è stato diviso da lei dal fuggi fuggi ed è sotto shock. È la ragazza più forte e ottimista che abbia conosciuto. Se ha un briciolo di fiato in gola si farà sentire. Ma evidentemente non può. Fate girare”.

Valeria è a Parigi per una borsa di studio in sociologia alla Sorbona. I suoi genitori sono già in contatto con la Farnesina.

Purtroppo anche la Farnesina conferma che non si hanno notizie di Valeria:

Un’italiana che ieri sera era presente alla sala di concerti Bataclan a Parigi risulta ancora “non rintracciabile”: “ma le ricerche continuano”, fanno sapere fonti della Farnesina. Un funzionario del consolato italiano nella capitale francese, Sergio Fiocco, aveva detto stamane a Radio 24 che la donna “è senza documenti perché la borsa l`aveva l`amica e si spera che sia stata solo ferita, non che sia fra le vittime”. Sono al momento due gli italiani feriti lievemente e fuori pericolo negli attacchi di ieri notte a Parigi, secondo l’ultimo bilancio fornito dal ministero degli Esteri.

La procura non esclude di aprire un fascicolo sulla scomparsa di Valeria Solesin:

La procura di Roma sta seguendo gli sviluppi della notte di terrore parigina ed attende notizie certe in merito al ferimento di due giovani di Senigaglia, avvenuto all’interno del Bataclan, e sul caso di Valeria Solesin, la studentessa veneziana di 28 anni che risulta irreperibile. Non è escluso, quindi, che a piazzale Clodio possa essere aperto un fascicolo sull’attacco terroristico di ieri sera

VALERIA SOLESIN: L’ITALIANA IRRINTRACCIABILE A PARIGI – La NuovaVenezia racconta la dinamica della scomparsa di Valeria Solesin dopo l’attentato al Bataclan a Parigi:

Valeria Solesin ha 28 anni, è veneziana e sta facendo un dottorato a Parigi e nella sera di venerdì 13 era alla nota sala Bataclan di concerti nell’XI arrondissement, non lontano dalla sede di Charlie Hebdo, uno dei luoghi dell’attentato. Da venerdì notte non si hanno più notizie di lei. Secondo quanto si è appreso si trovava al concerto con il suo fidanzato, i due sono scappati mai poi si sono divisi, e il suo ragazzo non è più riuscito a rintracciarla. Il nome della ragazza non risulta nell’elenco delle vittime, ma nessuno l’ha più sentita. La famiglia è in contatto con la Farnesina per avere informazioni. La ragazza era andata al concerto con il suo fidanzato, Andrea Ravagnan, la sorella di lui (entrambi di Dro, Trento) e il fidanzato. I quattro sono stati presi tutti in ostaggio dai terroristi. Ravagnan ha poi raccontato ai genitori di essere stato leggermente ferito ad un orecchio da un proiettile sparato dai terroristi. Leggere escoriazioni anche per la sorella e il suo fidanzato, originario di Verona. Dopo il blitz della polizia francese i giovani trentini sono riusciti a mettersi in salvo

Un’amica di Valeria Solesin contattata dall’Ansa ha dichiarato:

Valeria Solesin, la studentessa veneziana di 28 anni che ieri sera era con amici nel locale ‘Bataclan’ a Parigi e risulta al momento ‘irreperibile’ dopo l’attacco terroristico, è priva di documenti e probabilmente non è in grado di comunicare o farsi identificare, sempre che le sue condizioni fisiche lo permettano. A dirlo è l’amica che ha dato notizia della scomparsa sui social media seguendo le indicazioni dei genitori della ragazza originaria del centro storico di Venezia. “Già nella notte – racconta l’amica – abbiamo tentato di contattarla ma non c’è stato nulla da fare nel caos che è seguito all’assalto del Bataclan”. “Sappiamo che era con un gruppo di conoscenti – dice all’ANSA, raccontando quanto è riuscita a ricostruire attraverso le amicizie comuni – e stava entrando a teatro quando deve esserci stato l’assalto. Proprio in questa fase sarebbe stata separata dal gruppo perdendo la borsa con cellulare e documenti che è stata raccolta da una sua amica; poi il nulla”. “L’unica notizia positiva al momento – aggiunge – è che non è nella lista dei morti ma spero che presto possa avere un filo di voce per far sapere chi è e far avvisare i suoi genitori: siamo in ansia e in attesa”. Valeria, a Parigi da quattro anni per studio, si è laureata a tempo di record a Trento ed è una ricercatrice apprezzata sul piano accademico tanto da aver fatto una rapida ed apprezzata carriera. “Ha un carattere forte e determinato – conclude l’amica – datele la possibilità di comunicare

VALERIA SOLESIN: CHI È LA RAGAZZA SCOMPARSA AL BATACLAN DI PARIGI – Si è diplomata al liceo scientifico Benedetti di Venezia, ha conseguito la laurea a Trento e da quattro anni sta svolgendo un dottorato all’Istituto di Demografia dell’Università della Sorbona Parigi 1 Valeria Solesin, la giovane 28enne irrintracciabile dopo gli attentati nella capitale francese. Solesin si occupa nell’ateneo di temi legati alla famiglia e ai bambini, oltre alla comparazione sociologica tra sistema francese e italiano. “E’ uno dei cervelli in fuga dall’Italia” dice un’amica dei genitori.

Tags:

0 commenti per “Valeria Solesin: l’italiana irrintracciabile a Parigi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche