La disperazione di un padre che non è riuscito a salvare il figlio dal terrorismo

Un anno fa il padre di Samy Amimour aveva affrontato il pericoloso viaggio fino in Siria per cercare di convincere il figlio a lasciare l’esercito di Al-Baghdadi. Tre giorni fa Samy ha preso parte alla strage del Bataclan

Samy Amimour nelle foto diffuse dopo gli attentati di Parigi (via Twitter.com)

Il giornale francese Le Monde ripubblica oggi l’intervista di un anno fa ad un uomo che stava disperatamente cercando di salvare il figlio che era andato in Siria e si era arruolato tra le fila dei combattenti del Califfo Al Baghdadi. Il padre del ragazzo, era andato a giugno in Siria per tentare di riportarlo a casa, in Francia. Ma senza successo.

Samy Amimour nelle foto diffuse dopo gli attentati di Parigi (via Twitter.com)

Samy Amimour nelle foto diffuse dopo gli attentati di Parigi (via Twitter.com)

ERA PARTITO PER LA SIRIA NEL 2012 – Una volta arrivato in Siria, Mohamed, il padre di Samy Amimour uno dei terroristi che hanno dato l’assalto al Bataclan il 13 novembre, temeva che il figlio fosse stato ucciso dalle forze fedeli a Bashar Al-Assad. La verità però è stata ancora più dolorosa. Quando il 30 giugno 2014 dopo essere stato trasportato in una zona controllata dall’ISIS Mohamed rivede suo figlio stenta a riconoscerlo. È freddo, distaccato, è un’altra persona. Non accetta il denaro che gli ha portato e non ha detto nulla sulla lettera che gli ha consegnato da parte della madre. Ormai Samy era un miliziano del Califfato. Solo questo era importante per lui. Dopo qualche giorno Mohamed inizia il lento ritorno verso la Francia, attraverso quel confine turco-siriano che dall’inizio della guerra ha visto passare migliaia di disperati in fuga dalla Siria e molti dei foreign fighters europei che si sono uniti alle milizie di Daesh. In Siria Mohamed aveva lasciato un figlio, mai avrebbe pensato che la prossima volta che il suo Samy sarebbe ritornato in Francia lo avrebbe fatto per uccidere quelli che una volta erano suoi compatrioti.

0 commenti per “La disperazione di un padre che non è riuscito a salvare il figlio dal terrorismo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche