Come calarti qualche pasta ad una festa può cambiarti la vita, in peggio

In un video Jordy Hurdes mostra gli effetti collaterali dell’Ecstasy sul cervello e spiega: “potrebbe succedere a chiunque”

jordy hurdes rischi ecstasy danni  - 3

Inutile fare i moralisti, andare ad un party e prendere Ecstasy per alcuni – ma non per tutti – è una parte fondamentale dell’esperienza, altri provano, giusto per vedere l’effetto che fa, perché nella vita bisogna provare un po’ tutto, soprattutto quando si è assieme agli amici e non si può fare la figura di quelli che non sanno come divertirsi davvero. Il problema è che spesso, quando si fa uso di Ecstasy non si sa bene cosa si sta ingerendo; ma l’incognita principale è che non si sa come il nostro organismo potrebbe reagire.

Thank you so much for the love and support from everyone. I honestly can not believe how much the post has gone viral. Please share this video. The more that can see this. The more lives can be saved

Posted by Jordy Hurdes on Sunday, 22 November 2015

BASTA UNA SOLA PILLOLA PER FINIRE IN OSPEDALE – Prendiamo ad esempio il caso di Jordy Hurdes, un ventenne australiano che da qualche giorno sta postando foto e video sulle sue condizioni di salute dopo avere preso dell’Ecstasy ad un party. Come si può vedere dal video girato e postato ieri dopo che Jordy è stato ricoverato in ospedale. Nel video Jordy non è sotto l’effetto di Ecstasy. Quegli spasmi, quel balbettio sono gli effetti collaterali dovuti all’assunzione di una pasticca “sbagliata”.

jordy hurdes rischi ecstasy danni -1

Jordy durante il ricovero in ospedale (fonte: Facebook.com)

Come spiega Jordy in un post pubblicato ieri su Facebook i danni che l’Ecstasy ha causato al suo cervello potrebbero essere permanenti, il che significa che potrebbe soffrire per sempre di quella balbuzie e non si sa di quali altri deficit di tipo cognitivo, perché i dottori stanno ancora cercando di capire che tipo di danni ha causato la droga. Certo, Jordy è stato fortunato perché per fortuna era assieme a degli amici che si sono presi cura di lui. Perché Jordy non è un “tossico” né lo sono i suoi amici. È un ragazzo come tanti che ha avuto la sfortuna (come altri prima di lui) di prendere la pastiglia sbagliata. Ma a meno che non abbiate uno dottorato in chimica e un laboratorio di analisi difficilmente potrete sapere se la pasta che state per prendere è buona o cattiva. Ed è per questo che Jordy ha deciso di girare il video invitando tutti a condividerlo, perché vuole che quello che è successo a lui non succeda ad altri.

I myself am lucky to be alive now, I now have the possibility of a permanent stutter and twitch due to nerve or brain damage. Please please please don’t take the “cheaper fun” option, because you never know if it could happened to you. If I can get this into at least a couple of people’s heads then I could have saved someone’s life.

Jordy ha ricevuto migliaia di messaggi di auguri di pronta guarigione ma anche di incoraggiamento per la sua scelta di diventare testimone dei danni che le droghe sintetiche possono fare al cervello.

mdma ragazza sedia a rotelle

Amy Thompson prima e dopo

Purtroppo quello di Jordy non è il primo caso. Qualche tempo fa Amy Thomson aveva raccontato la sua esperienza e la sua vita dopo la droga. Amy era stata meno fortunata di Jordy. Era finita in coma per un mese in seguito all’assunzione di MDMA e ora è costretta su una sedia a rotelle. Ma non dimentichiamo che ad inizio d’anno le autorità inglese avevano lanciato un allarme per una nuova droga sintetica simile all’Ecstasy le famigerate pillole Superman. Quattro ragazzi sono morti in Regno Unito dopo aver fatto uso di questo nuovo tipo di pillola che sarebbe venduta come Ecstasy con la differenza che il principio attivo al suo interno sarebbe un nuovo tipo di droga sintentica. Il PMMA invece che la consueta molecola di MDMA. Lo stesso tipo di Ecstasy “contraffatta” sarebbe inoltre tra i principali sospettati di sei decessi in Florida e di altri tre a Chicago l’anno scorso.

0 commenti per “Come calarti qualche pasta ad una festa può cambiarti la vita, in peggio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche