Anche l’uomo potrà rimanere incinto

Secondo alcuni medici il trapianto di utero potrà essere effettuato anche sui maschi, che potranno così diventare “mammi”. Ma per fortuna c’è ancora parecchio tempo prima che ciò sia possibile

trapianto utero maschi - 2

L’utero è mio e me lo gestisco io potrebbe fra qualche tempo non essere uno slogan femminista. Tutto ovviamente grazie alla medicina, che promette di dare – entro qualche tempo – anche agli uomini la possibilità di essere mamma. Non si tratta di fare chissà quali terapie per poter consentire agli uomini di sviluppare un proprio utero ma di una tecnologia relativamente più semplice: il trapianto di utero.

trapianto utero maschi - 1

Come si svolgerà il trapianto di utero da donna a donna (credits: new york times)

COME FUNZIONA IL TRAPIANTO DI UTERO – Il trapianto di utero da donna a donna non è più fantascienza, fra qualche mese al massimo se tutto andrà per il verso giusto pare potremo assistere al primo intervento del genere. Una pratica che, se avrà successo potrebbe risolvere i problemi di infertilità di molte donne, soprattutto quelle che hanno subito un’isterectomia. Certo, la tecnica è ancora allo stato iniziale, e le gravidanze concepite in questo modo sarebbero ad alto rischio, soprattutto per via della terapia anti-rigetto post-trapianto.  Senza contare che si tratterebbe di un trapianto temporaneo, una volta che la donna avrà dato alla luce uno o due figli l’utero dovrebbe essere rimosso. Il trapianto di utero risolverebbe anche un altro problema che tormenta il dibattito pubblico, quello delle gravidanze surrogate per le coppie eterosessuali che non possono avere figli (quello che alcuni chiamano spregiativamente “utero in affitto”). Ma in virtù di questo spiraglio di progresso della scienza medica alcuni hanno iniziato a speculare che un trapianto del genere non dovrebbe per forza essere rivolto solo alle donne ma anche ai transgender o agli uomini. La dottoressa Karine Chung della Keck School of Medicine preso l’University of Southern California azzarda anche un’ipotesi di quando sarà possibile:

A mio avviso siamo ancora cinque o dieci anni dal poterlo fare, forse anche meno. Alla fine l’anatomia maschile e quella femminile non sono così diverse. Probabilmente ad un certo punto riusciremo a capire come fare.

In realtà non è proprio così, perché l’utero non è certo un sacchettino che si può inserire ovunque. Oltre a fisicamente inserire l’utero nel corpo maschile è anche necessario fare in modo che sia correttamente irrorato dai vasi sanguigni. Che gli uomini non hanno. In un futuro chissà ma ora la cosa non sembra assolutamente possibile. Ma a chi vorrebbe avere un utero? Ad esempio quegli uomini che si sono sottoposti all’operazione per cambiare sesso. Alcuni di loro potrebbero sentire il bisogno di dare alla luce un figlio per potersi sentire donne al 100%. Naturalmente al di là delle incognite su come far poi partorire questi uomini con l’utero ci sono anche quelle riguardanti lo sviluppo del feto in un corpo maschile. Ma ci sono anche altre questioni etiche, ad esempio il costo degli interventi  e di tutto il processo per seguire una gravidanza anomala che potrebbero distogliere risorse sanitarie da operazioni più necessarie. Alcuni poi pensano che quando gli uomini avranno la possibilità di avere l’utero potranno fare a meno delle donne. Una paura spesso provata dagli uomini ogni qual volta il progresso della fecondazione in vitro ha fatto capire l’opposto. Ma nel caso dei “mammi” le cose stanno diversamente, perché trattandosi di trapianto e non di un organo fatto crescere nel maschio ci sarà sempre e comunque bisogno di una donatrice. Senza contare che non sembra ci siano molti uomini realmente disposti a farsi carico delle gioie e dei dolori della gravidanza.

 

0 commenti per “Anche l’uomo potrà rimanere incinto”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche