“Mia cara Lidia, mettete in pompa”: la lettera d’amore di Alessandro del Gf14

Ospiti della lettera di Alessandro: Adele, il Marchese del Grillo e una quintalata di sfondoni grammaticali. Sottotitolato per chi non conosce il burinese

lettera alessandro gf 14 lidia

Hello di Adele come musica di sottofondo, atmosfera romantica, lacrime. Alessandro Calabrese scrive una lettera d’amore alla “sua” Lidia Vella. Poi inizia a parlare in burinese, e l’atmosfera torna quella di sempre. Ovvero quella dello zerbino che prova a fare il figo e poi tira fuori perle come “ti amo senza ombra di dubbio”. Ma che frase è? Oppure “Sarò in grado di accettare un no o un sì allo stesso livello”. In che lingua parla?

“Mia cara Lidia, mettete in pompa”: la lettera d’amore di Alessandro del Gf14

Oltretutto l’attacco della lettera “Mia cara Lidia”, ricorda la canzone del Marchese del Grillo. Sentite un po’:

comunque se qualcuno è interessato a cosa ha detto Alessandro le sue struggenti parole d’amore sono queste:

Mia cara Lidia sei stata l’unica parola al mondo che mi ha fatto capire la parola amore, che fino a te pensavo fosse la parola per vendere libri e film. Ma da quando ho conosciuto te la mia vita è cambiata. Ho cominciato a vivere per te e a volte fregandomene di tutto e di tutti e il più delle volte di me. Ti amo senza ombra di dubbio e per la prima volta in vita mia sento di non ascoltare il mio cuore solamente ma anche la mia testa.

Tags:

0 commenti per ““Mia cara Lidia, mettete in pompa”: la lettera d’amore di Alessandro del Gf14”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche