L’orribile fungo alieno Clathrus archeri

Non viene dall’altro mondo ma dall’altra parte del mondo, e a dispetto del suo aspetto disgustoso non è velenoso e qualcuno lo mangia (nonostante la puzza)

fungo alieno Clathrus archeri - 5

A quelli che hanno visto Alien sicuramente verranno in mente le uova degli Xenomorfi, dai quali escono gli affettuosissimi Facehugger  ma niente paura (davvero?) il Clathrus archeri, noto anche come Octopus stinkhorn o Devil’s fingers è solo un fungo falloide. Il suo aspetto però è davvero inquietante, e non solo nella sua forma “adulta” ma anche durante tutta la sua crescita.

fungo alieno Clathrus archeri -1

IL FUNGO POLPO – Il fungo in un certo senso è davvero un alieno, è infatti originario dell’Australia e della Nuova Zelanda ma si può trovare anche in Europa (le foto sono state scattate in Regno Unito) dove a quanto pare è arrivato a fine Ottocento grazie alle spore depositate all’interno di prodotti importati dall’Australia. In Francia invece è stato avvistato per la prima volta nel 1918 dove si suppone sia arrivato al seguito delle truppe australiane che combattevano in Francia sul Fronte Occidentale della Prima Guerra Mondiale.

Per qualcuno assomiglia ad un polipo rovesciato, con i tentacoli per aria. Per altri invece – complice la sua colorazione rossastra – sono le dita del diavolo che escono dal terreno per agguantarvi le caviglie. A dispetto della puzza che emana una volta raggiunto lo stadio adulto (allo scopo di attirare le mosche che sono il vettore di propagazione delle spore) il fungo polpo non è velenoso, anche se si sospetta possa provocare eritemi da contatto. Le uova gelatinose del fungo, non ancora sbocciate, sono invece considerate una prelibatezza e vengono mangiate. Il fungo adulto invece non è molto commestibile, in ogni caso non è tossico se ingerito.

GLI STADI DELLA MATURAZIONE DEL CLATHRUS ARCHERI

SuperstarzGallery clicca per ingrandire le immagini

0 commenti per “L’orribile fungo alieno Clathrus archeri”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche