«Stefano con Santiago, Belen a Cortina, vergogna!»

Il mito del bravo papà italiano e della mamma cattiva e vanesia che piace tanto alla ggente per digerire il pranzo di Natale facendosi i cazzi di Belen Rodrigruez

stefano de martino belen rodriguez santiago 1

Mamma mormora la bambina
mentre pieni di pianto ha gli occhi
per la tua piccolina non compri mai balocchi
Mamma tu compri soltanto i profumi per te

Nella spasmodica attesa di conoscere tutti i dettagli che hanno portato Belen Rodriguez e Stefano De Martino la ggente in questi giorni di festa in cui si rotola dal divano al tavolo e viceversa non ha molto di meglio da fare che inventarsi una favola tutta sua che dia un senso a questa storia anche se un senso non ce l’ha. E decide che la «straniera», l’«argentina» deve avere sicuramente torto. Lo dice Facebook! E sì perché mentre Belen a Cortina ha continuato come se niente fosse a farsi selfie in tutti i luoghi e in tutti i laghi De Martino si è limitato solo a pubblicare due foto (oltre agli auguri di Natale), ma molto significative, con il figlioletto Santiago. Il motivo di questa differente condotta lo conoscono solo i protagonisti? No!!!! Il pubblico pagante sa già tutto e ce lo spiega. Ad esempio Stefano ieri ha pubblicato una foto inquietante con Santi dietro alle sbarre e la presentazione: “piccoli scugnizzi crescono”. Ed è subito Poggioreale!

 

stefano de martino belen rodriguez santiago

 

Ma le sbarre non interessano alle brave persone che invece hanno molto altro da dire: “Mentre lei fa la capricciosa come una vera star tu da bravo papà passi le festività con tuo figlio !!! Prima o poi lei sfiorira’ come succede a tante in tv, Auguro a Belen di perdere tutto così si renderà conto di quello che ha perso davvero di importante!!! (Ps. Per maria termite che e’ un po dura di comprendonio il mio perdere tutto riguarda la carriera quindi non rompere le …) Grande Stefano”, “Tu a fare il papà e lei a fare la …con un ex!!!! sei un grande hai tutta la mia stima!!!!”, e se qualcuno ha un’obiezione da fare sulla gente maligna, beccateve ‘sta risposta: ” Voglio dire solo che ad ognuno puo’ succedere quello che succede a qualc un altro!pero’ ragazzi e’ da come ci si comporta in certi eventi che fa diverse le persone.In questo momento stefano con la famiglia evquell idiota dell argentina posta una foto al secondo mentre brinda mentre mangia mentre ride….forse era il caso di starsene in una situazione un po per cazzi suoi a riflettere su sto fallimento nooo?!!!e cazxo per questa non vale un cavolo niente????figli miei,e’ questa che si fa giudicare per qello che e’!non la gente maligna!”. Tutto chiaro giusto? E se invece Santiago fosse rimasto con la mamma e Stefano fosse stato solo? Ci sarebbero state critiche sulla mamma straniera e cattiva che non fa passare abbastanza tempo al bimbo con il suo bravo papà tutto italiano. Ma per una donna farsi un selfie è un reato, e anche se della Belen non ce ne importa poi molto decidere che è colpevole perché mangia, beve e prende il sole in montagna non è un atteggiamento mentale molto lontano da quello che viene descritto in una vecchissima canzone che considera tutte le donne che pensano a se stesse delle poco di buono:

 

 

 

 

 

 

Non c’è ragione di ritenere che Belen e Stefano non decidano insieme cosa riguarda il loro bambino, e non dovrebbe essere necessario neanche parlarne. Non c’è ragione perché una donna qualunque, Belen o meno, possa stare bene sapendo che suo figlio sta passando dei bei momenti con il suo papà. Doveva mettersi un cilicio e passare le giornate in una stanza buia aspettando il ritorno di Santiago con un tozzo di pane secco e un bicchiere d’acqua? E allora de che stamo a parla’?

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “«Stefano con Santiago, Belen a Cortina, vergogna!»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche