Le orge della polizia belga mentre tutti davano la caccia a Salah Abdeslam

Fate l’amore non fate la guerra, forse in Belgio hanno preso questo invito troppo alla lettera

bruxelles polizia esercito orge - 1

Novembre 2015, le forze di polizia di tutta Europa stanno dando la caccia a Salah Abdeslam e agli eventuali complici e fiancheggiatori degli attentati di Parigi. In Belgio la situazione è ancora più seria, perché Salah e suo fratello Brahim venivano proprio da un sobborgo di Bruxelles: Molenbeek. Ma i problemi per il Belgio non finiscono qui, perché col tempo è venuto fuori che la polizia belga aveva già una lista di nomi di possibili terroristi e affiliati all’ISIS nella quale c’erano anche quelli degli attentatori di Parigi. Per questo motivo per una ventina di giorni il paese ha vissuto in una situazione di costante allerta, con la Polizia che è giunta a invitare gli utenti di Twitter a non segnalare gli spostamenti delle forze dell’ordine per non dare vantaggi ai sospettati. Ciliegina sulla torta: sembra che gli agenti della polizia e alcuni militari abbiano preso parte a orge proprio mentre la capitale belga era nel massimo stato di allerta e tutte le strade erano fortemente presidiate.

MAKE LOVE NOT WAR – Secondo quanto riferiscono i quotidiani belgi La Derniere Heure e De Standaard nelle settimane successive agli attentati di Parigi otto soldati e due poliziotte avrebbero trasformato la stazione di polizia di Ganshoren, poco a nord di Molenbeek, in un parco giochi per adulti. I militari infatti erano acquartierati presso la stazione di Ganshoren proprio in relazione alla militarizzazione del paese dopo che lo stato d’allerta era stato innalzato al livello quattro (il più alto). A Ganshoren l’esercito aveva inviato una ventina di militari in modo da limitare i tempi di trasferimento e consentire ai soldati di essere pronti all’azione. E a quanto pare è proprio quello che è successo. Come riferisce il sito Politico.eu non è la prima volta che l’esercito belga si trova sotto il fuoco della polemica. Nei giorni prima di Natale infatti un soldato era stato fotografato mentre faceva shopping in uniforme.

Ovviamente sia la Polizia che l’esercito hanno aperto un’inchiesta sul comportamento tenuto da agenti e militari ma non è stata comminata alcuna azione disciplinare, al momento i vertici della polizia vogliono capire cosa è successo davvero. In ogni caso è un grande passo avanti per le forze armate di tutto il mondo rispetto alle violenze di Abu Ghraib.

0 commenti per “Le orge della polizia belga mentre tutti davano la caccia a Salah Abdeslam”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche