Mahmood, la nuova proposta di Sanremo 2016 che canta Dimentica

E come possiamo non accontentarlo?

Alessandro Mahmoud Mahmood sanremo 2016 dimentica - 1

Alessandro Mahmoud in arte Mahmood è uno dei vincitori di Area Sanremo scelti per prendere parte al sessantaseiesimo Festival della Canzone Italiana di Sanremo. Metà sardo e metà egiziano Mahmood è approdato nel 2012 a X-Factor Italia 6 (l’edizione vinta da Chiara Galiazzo), dove era entrato a far parte della squadra di Simona Ventura come wildcard alla seconda puntata.

STOP, DIMENTICA, AH NO – A X-Factor il percorso di Mahmood si è interrotto presto, alla terza puntata venne eliminato ma non ha smesso di crederci e sognare e di credere ad una carriera nel mondo della musica. E la musica, un po’ come per tutti i musicisti e per quelli che vanno a Sanremo è il centro della sua vita: “È l’unica via di sfogo per una vita che a volte può sembrare difficile ma che in realtà ha solo bisogno di spazio per dar voce alle nostre emozioni“, pensieri di una certa profondità. Anche se dopo il piccolo boom conseguente alla sua partecipazione X-Factor ha detto di aver attraversato un periodo difficile, non tanto per la delusione ma per le difficoltà incontrate nel suo cammino musicale fuori dal talent. A Sanremo Mahmood ha re-incontrato una vecchia amica: Miele, sua compagna di corso all’accademia musicale milanese CPM, anche lei in gara tra le nuove proposte. Affascinato dal soul e dal R’n’b che strizza l’occhi all’elettronica a Sanremo Mahmood porterà Dimentica. Un brano che non è decisamente indimenticabile.

Un pezzo che è – prevedibilmente – introspettivo e autobiografico, scritto in metropolitana a Milano. Non è che con The Chair l’altro brano di Mahmood in circolazione le cose vadano meglio eh

Peccato perché la sua interpretazione di Master Blaster di Stevie Wonder mi aveva quasi convinto. Da uno che si ispira a Laurin Hille e a John Legend ci si potrebbe aspettare qualcosa in più.

0 commenti per “Mahmood, la nuova proposta di Sanremo 2016 che canta Dimentica”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche