Il pesce che ha vissuto sei mesi tagliato in due

Fishbait: una storia bizzarra che viene dalla Thailandia ci racconta di un pesce che è riuscito a sopravvivere per sei mesi senza metà del corpo

pesce senza coda - 1

C’erano una volta le esposizioni viaggianti di curiosità della natura, venghino signori venghino a vedere l’incredibile spettacolo della capra a due teste. E così via. Poi è arrivata la televisione e mano a mano i “mostri” umani e non sono stati messi in bella mostra in quella magica scatoletta. La bella notizia è che freak show del genere esistono ancora, una prova è, ad esempio la vicenda del pesce che per sei mesi ha “vissuto” senza una coda, portato di città in città a far bella mostra di sé (o almeno di quello che rimaneva).

IL PESCE DIMEZZATO – Qualche tempo fa vi avevamo parlato del pesce che prendeva vita una volta impiattato. Questa volta la storia è meno succulenta, ma solo perché ci sarebbe meno pesce da mangiare. Succede, a quanto pare, in Thailandia dove sembra che un pesce sia riuscito a sopravvivere per sei mesi senza la metà posteriore del corpo. L’animale sarebbe rimasto mutilato, raccontano i media locali, dopo aver tentato di saltare fuori da una pozza. Portato al mercato del pesce (forse era il giorno della promozione tutto al 50%) il pesce è stato notato da Watchara Chote, un uomo di 36 anni che ha deciso di adottarlo e gli ha dato il nome I-half. Il clamore e la curiosità suscitati tra i villaggi dalla notizia dell’esistenza di una così bizzarra creatura hanno spinto il signor Chote a intraprendere un tour di esibizioni del suo “amico” I-half. Ora però dopo sei entusiasmanti (!) mesi trascorsi assieme il povero mezzo pesce è morto.

pesce senza coda - 2

Non si capisce dove stia il trucco, finché è dentro il secchio il pesce si muove perché qualcuno dà dei colpetti al recipiente, ma quando viene messo nell’acquario sembra che riesca a respirare autonomamente.

0 commenti per “Il pesce che ha vissuto sei mesi tagliato in due”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche