Amici 15: Cristiano Cosa canta Creep e si scontra con Carlo di Francesco – VIDEO

cristiano cosa creep amici 15

Ad Amici 15 sta succedendo un macello. C’è stata una rivolta e il suo capo si chiama Cristiano Cosa. Il cantante in polemica con i suoi compagni allievi ha chiesto ai professori insieme a Yvonne, ai Metro e ai ballerini esclusi come Paolo, appena uscito vincente da una sfida, di creare una terza squadra per esibirsi al di là della logica dei poteri forti che vede “i gruppetti” capitanati da Elodie, Daniele de La Rua ed altri scegliere sempre gli stessi cavalli vincenti, come Sergio. Cristiano canta Creep, ma cambia tempo e arrangiamento, sembra una di quelle musichette da saloon. Lui parla delle provocazioni di Braga, il cantante dei Metrò parla di un ubriaco. Ma Carlo Di Francesco, il professore che lo deve giudicare, non si fa incantare dalla provocazione e guarda solo l’esibizione. Che merita un bello zero: in una scala di voti da zero ad otto non è male vero? Alex Braga non è d’accordo, sappiamo tutti cosa ne pensa delle provocazioni e nelle orecchie ancora ci risuona lo stridìo terrificante di Wise Christmas, e difende Cristiano ad oltranza: “Questo è essere un artista vero, cantare bene non è importante”. Di Francesco ribatte: “Se vado alla Corrida e suono con l’ascella vinco”. E non c’è altro da aggiungere. Il trash anche per questo sabato è servito, Queen Mary ci ha sfamati dopo la pausa natalizia. Speriamo solo che l’idea dell’ascella non stimoli Braga verso nuove inquietanti provocazioni

 

Amici 15: Cristiano Cosa canta Creep e si scontra con Carlo di Francesco – VIDEO

Amici 15: Cristiano Cosa canta Creep e si… di superstarz_com

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

3 commenti per “Amici 15: Cristiano Cosa canta Creep e si scontra con Carlo di Francesco – VIDEO”

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Rubriche