L’epico momento dell’infarto simulato a C’è Posta per te – VIDEO

c'è posta per te aldo infarto simulato

La storia di Aldo a C’è Posta per te era già abbastanza trash senza il particolare dell’infarto simulato. Aldo arriva a C’è posta per te per cercare di ricucire un rapporto con i figli che non gli parlano da tre anni. Al matrimonio della figlia Aldo, praticamente ubriaco, ballando con la consuocera le fa una battuta poco gradevole: “non ballarmi troppo vicino che ti metto incinta”. Da quel momento i due figli interrompono qualsiasi rapporto con lui. Quando nasce il nipotino lui chiede di poterlo vedere in ospedale ma viene cacciato dalla sicurezza. La storia raccontata così sembra proprio dar torto ai due figli che esagerano ma…quando iniziano a parlare i figli la vicenda appare completamente diversa. La figlia spiega che l’ha minacciata di morte, che gli sms che ricevono sono pieni di insulti, compresi quelli mandati in occasione della nascita del nipotino. Aldo è una persona molto aggressiva verbalmente, e non se ne rende neanche conto. Ma il climax della storia di Aldo arriva quando racconta che l’hanno costretto a chiedere scusa per la battutaccia al matrimonio. La figlia aggiunge: “Ha simulato un infarto”. E rifà il gesto del papà nell’aneddoto. “Si è buttato per terra fingendo di avere un infarto”, per evitare di chiedere scusa ovviamente. Lo studio ride, Maria De Filippi ride, tutta l’Italia ride.

L’infarto simulato a C’è Posta per te che ha fatto ridere tutti – VIDEO

L’infarto simulato a C’è Posta per te che ha… di superstarz_com

“Ho simulato un infarto” in poco tempo è diventata la nuova frase cult di Twitter:

I figli chiudono la busta perché non credono che il padre voglia cambiare il suo atteggiamento, magari seguendo una terapia psicologica. E la battuta finale di Aldo ci fa credere che abbiano davvero ragione:

Tags:

0 commenti per “L’epico momento dell’infarto simulato a C’è Posta per te – VIDEO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche