Maria De Filippi risponde all’esposto di Milly Carlucci

Milly Carlucci porta in procura Maria De Filippi? E lei risponde così

milly carlucci maria de filippi

Milly Carlucci porta in procura Maria De Filippi? E lei risponde così sul sito Wittytv:

In risposta alle velate o esplicite polemiche sorte in conseguenza all’esposto effettuato dalla Signora Milly Carlucci riguardo al Premio Social TV 2015, e alle conseguenti letture e controletture della vicenda, mi sento di dichiarare quanto segue, nella speranza che non sia stato tutto fatto artatamente per accendere riflettori su programmi tv che dovrebbero tendere ad intrattenere i telespettatori anziché dibattersi su polemiche più consone ai tribunali che non alla pagina degli spettacoli.

1.- Posso dichiarare qui come in Tribunale, di NON essere la regista occulta di un bel niente. E tanto meno di essere indagata per questo tipo di accuse.

2.- Ho rispetto del mio tempo e ho altre priorità a cui dar spazio nella mia vita, che non dettare alle cosiddette web star, messaggi offensivi contro chicchessia.

3.- Non ho profili personali, ufficiali, ufficiosi o fake su nessun social (anche se mi è stato più volte offerto). Ciò non di meno, li leggo e mi diverto, a volte di più, altre volte di meno, a seconda di quel che leggo.

4.- Conosco personalmente alcuni titolari di questi profili social – chi lo fa per hobby, chi lo fa per mestiere – anche perché spesso presenti nelle platee o nei backstage dei programmi tv. E con certezza, senza tema di essere smentita, so di non aver mai nemmeno influenzato nessuno di questi “operatori”.

5.- Sono convinta dell’importanza di combattere il cyberbullismo, ma penso anche che né Trash Italiano o il fake che porta il mio nome o altri profili similari, possano indurre nessuno al suicidio. Ieri, per esempio, il fake con il mio nome, durante Sanremo pubblicava una foto di me e di mio marito con scritto “Strani amori”, vista la presenza di Laura Pausini sul palco. Né io né mio marito abbiamo sentito l’impeto al suicidio.

Io la penso così. So bene che sia lecito pensarla diversamente e tifo per la libertà di pensiero. Aggiungo anche un bel “mai dire mai”. Per cui potrò persino cambiare idea, ma fino ad ora, per esempio, non mi sono mai sognata di querelare chi da ambiti di produzioni rivali ai programmi che conduco, ha fatto intendere, velatamente o meno, via social o blog, che io avessi il potere di taroccare l’Auditel a mio vantaggio.

Auguro tanta serenità,

Maria

LA STORIA DELL’ESPOSTO DI MILLY CARLUCCI – Vi ricordate la storia dei voti truccati di Ballando con le stelle per il premio come programma più social dell’anno? All’epoca Milly Carlucci non fece una gran figura e la Rai ritirò il premio. Ma Milly non si è arresa. Ha depositato una querela contro ignoti. E la vicenda, che era stata denunciata dall’account fake di Maria De Filippi e da Trashitaliano finisce in procura, con la vera Queen Mary chiamata a chiarire se sia stata a conoscenza degli “attacchi” contro la collega.

la conduttrice della trasmissione su Canale 5, è stata convocata in procura per spiegare i suoi rapporti con l’utente dell’indirizzo Twitter “@defilippi_m” e i creatori della pagina Facebook «Trash Italiano», colpevoli di aver attaccato per mesi la rivale Milly Carlucci. A far aprire l’inchiesta è stata la Carlucci, costretta a depositare attraverso gli avvocati Titta e Nicola Madia una querela per diffamazione per rispondere agli attacchi social. Riepilogando. Era la sera del 25 maggio quando su Rai Uno andò onda in prima serata il Premio Regia Televisiva. Una delle novità della trasmissione fu l’introduzione della categoria Social Tv con relativa assegnazione di un premio cui gli spettatori partecipavano votando con appositi hashtag su Twitter. A contendersi la vittoria furono proprio «Ballando con le stelle» e «Amici». A poche ore della proclamazione del vincitore, una serie di tweet partiti dall’indirizzo @defilippi_M e rilanciati con forza nella pagina Facebook «Trash Italiano» insinuò che la Carlucci avesse compiuto dei brogli per ottenere il premio. Ora la procura intende chiarire se la De Filippi fosse a conoscenza dell’offensiva social

E la finta Maria De Filippy su twitter commenta così:

TRASHITALIANO, MILLY CARLUCCI E LA FIGURACCIA DEI VOTI TRUCCATI PER BALLANDO CON LE STELLE – La denuncia dei voti truccati per il premio come programma più social dell’anno era stata fatta nei giorni scorsi da Trashitaliano:

Come spiega il Corriere:

Il riconoscimento di programma «più social» è diventato un caso dopo le irregolarità nelle votazioni che dal 15 maggio era possibile fare attraverso Twitter.In particolare, troppi voti da profili falsi avrebbero fatto crescere le preferenze di Ballando con le stelle, suscitando il malumore di addetti ai lavori negli show sfidanti, da Francesco Facchinetti (che sempre su Twitter ha annunciato il ritiro di The Voice dalla gara se i brogli si fossero rivelati veri) ad alcuni autori di Amici.

 

Alla fine qualcosa è cambiato:

Una polemica che ha spinto la Rai a intervenire ripulendo tutte le votazioni multiple di ogni account e decidendo di non proclamare più un vincitore ma la terna dei programmi più citati su Twitter.

 

Il direttore di Rai1 Giancarlo Leone ha dichiarato:

«La questione è interessante per il futuro. La Rete permette di bypassare con più agio la correttezza nelle votazioni: andranno perfezionati i nostri mezzi di controllo».

Mentre Milly Carlucci grida al complotto:

«C’è gente che ha alzato un polverone per farsi pubblicità. Noi siamo un gruppo con conoscenze in tutto il mondo e, partecipando a questo gioco, abbiamo chiamato a raccolta chi ci sostiene». Quanto ai tweet da profili fasulli,la conduttrice ha annunciato «di aver già dato mandato a un avvocato: voglio proprio sapere chi li ha fatti. È un fatto scorrettissimo e non può averli scritti chi ci è amico. Più facile siano opera di qualcuno che voleva boicottarci».

Tags:

0 commenti per “Maria De Filippi risponde all’esposto di Milly Carlucci”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche