Rocco Siffredi contro Valentina Nappi e Simona Ventura

Rocco non le manda a dire. Valentina Nappi? Una figa di legno che non sa nemmeno ciucciare cazzi. Simona Ventura? Una specie di mafiosa accentratrice assetta di potere.

rocco siffredi ospedale succhiotto simona ventura valentina nappi - 1

Rocco Siffredi sta lanciando la sua nuova sit-com: Casa Siffredi, una web serie di otto puntate sul mondo di Rocco (famiglia, lavoro e quant’altro) che debutterà su La 5 giovedì 17 marzo. Nella serie ci sarà spazio anche per la Siffredi Hard Academy, l’accademia del porno che Rocco ha messo in piedi in quel di Budapest per selezionare nuovi talenti del cinema hard. Una sorta di PlayBoy Mansion dove il mito indiscusso del porno italiano (e mondiale) intende creare un vivaio per giovani nuovi professionisti del porno.

VALENTINA NAPPI? UNA STRONZA! – Per promuovere Casa Siffredi Rocco ha concesso una divertente intervista a Selvaggia Lucarelli su M2O dove ha parlato del suo rapporto con i figli e del fatto che sarebbe orgoglioso se uno di loro seguisse le orme del padre. In fondo se c’è una cosa di cui va dato atto a Rocco è quella di aver sempre parlato in modo molto schietto della pornografia, senza nascondersi dietro chissà quali motivazioni ideologiche o estetizzanti. A Rocco piace la figa, per quello fa il pornoattore. Diciamo che ad un certo punto gli è piaciuta così tanto da sviluppare una forma di dipendenza patologica dal sesso. Ma anche di questo Siffredi ha sempre parlato apertamente, un po’ perché negli anni ha iniziato a coltivare un rapporto speciale con i fan un po’ perché ha sempre tentato di far uscire la pornografia dalla dimensione “sporca” o “perversa” per renderla qualcosa di normale. Insomma Rocco a volte parla di porno esattamente come ne parlano dei tredicenni in ricreazione altre invece si lancia in riflessioni più “alte” come la proposta di un tour nelle scuole per spiegare la differenza tra pornografia e sesso.

L’intervista di oggi è un po’ di tutto questo, abbiamo il Rocco che dice che vorrebbe la Lucarelli come Rettore della sua Academy, anzi, come attrice di un suo film e quello che racconta di come non abbia mai nascosto nulla ai figli (così come non ha mai nascosto nulla ai fan lolol). Ma è quando ha parlato di una sua collega, Valentina Nappi, che Rocco ha dato il meglio di sé. Ricordiamo che è stato Rocco a lanciare la Nappi (forse l’attrice più noiosa di tutta la pornografia) nel mondo del porno. Ma la Nappi di recente si è macchiata di un crimine particolarmente odioso: quello di lesa Moanità. Infatti pare abbia detto parole non molto carine nei confronti di Moana (che ricordiamo è intoccabile). Ecco quindi che Rocco ha sbottato in diretta dicendo:

Voglio per prima cosa dire che Valentina Nappi è una grandissima stronza. Ma come cazzo si è permessa di parlare male della grande Moana Pozzi? Lei se la sogna la classe, l’eleganza e la professionalità di Moana! Mi dispiace solo che a inserire questa stronza nel mondo dell’hard sia stato io un paio d’anni fa.

Per poi rincarare la dose smontando il “mito” della Nappi grande attrice consumata:

 L’ultima volta che ho lavorato con lei le ho fatto fare una gang bang con 100 uomini. Era totalmente incapace. Una figa di legno, ingessata e presuntuosa. Durante la gang non era capace nemmeno di fare i pompini. Manco sapeva ciucciare un pene! Ci mancava poco che dovessi intervenire io!

Anche a proposito di Simona Ventura Rocco ha avuto modo di dire qualcosa di interessante. Sappiamo che la Ventura all’Isola è considerata un po’ l’eminenza grigia che tesse le fila di tutto quello che accade tra i naufraghi. Una sorta di padrino della mafia e sull’Isola non si muove foglia (di palma) che Simona non voglia. Anche per Rocco Simona è una “mafia”:

Simona Ventura è una specie di “mafiosa”. Un’accentratrice. Ora lei è la leader e tutti le leccano il culo. Lei fa pure la simpatica ma tra qualche giorno le cadrà la maschera da “mamma chioccia”e  caccerà fuori la sua vera natura

2 commenti per “Rocco Siffredi contro Valentina Nappi e Simona Ventura”

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Rubriche