Perché il 20 aprile è il giorno della marijuana

420 non è misterioso come il Codice Da Vinci ma è diventato il simbolo internazionale di una cultura: quella della marijuana

420 significato storia - 4

Oggi è il 20 aprile, sono da poco passate le quattro e venti ed è quel momento dell’anno in cui si parla delle ricorrenze di questa data fatidica. Agli appassionati di storia non sarà infatti sfuggito che il 20 aprile è la data di nascita di Adolf Hitler, nato a Braunau am Inn il 20 aprile 1899. Per inciso il 20 aprile 1945 i soldati dell’Unione Sovietica fanno il loro ingresso a Berlino segnando l’inizio della battaglia finale della Seconda Guerra Mondiale in Europa. I nostalgici di “quando il PD era un partito di sinistra” invece oggi festeggiano la nascita di un altro baffetto, il Lider Maximo D’Alema, nato a Roma il 20 aprile 1949. I più smemorati invece sanno che il 20 aprile si ricorda anche qualcos’altro ma mannaggia se se lo ricordano.

420 significato storia - 2

Tre Waldos con la bandierina 420 (fonte: Huffigntonpost.com)

 

CINQUE WALDOS ALLA RICERCA DI UNA MAGICA PIANTAGIONE – Quel qualcosa è il 420, che è il modo in cui gli americani scrivono la data del 20/4 perché loro mettono il mese prima del giorno e dell’anno. Sono fatti così, sono dei bambini speciali. Il 4/20 però si festeggia la nascita di un personaggio famoso né si commemora la ricorrenza di qualche evento storico (anche se il 20 aprile 1999 Eric Harris e Dylan Klebold uccisero 13 persone alla Columbine high school) ma si celebra una cultura, la Cannabis Culture. Negli USA (ma anche nel resto del mondo occidentale) il 420 è il simbolo della cultura legata al consumo di marijuana. Ma perché questa data è diventata il “giorno della marijuana”? Come tutte le cose legate alla droga e alla cultura “giovanile” la memoria si perde nelle nebbie del tempo. A quanto pare inizialmente il 4/20 non era una data ma un orario: le 4:20 (del pomeriggio) nel quale un gruppo di cinque teenager americani noti con il soprannome di Waldos che studiavano alla San Rafael High School, in California, si trovavano per andare alla ricerca di un mitologico campo di marijuana del quale alcune leggende metropolitane dell’epoca favoleggiavano l’esistenza.

420 significato storia - 3

Era il 1971, i cinque si trovavano sempre allo stesso orario sotto la statua di Louis Pasteur e dopo aver fumato un cannone partivano alla ricerca ma la piantagione non venne mai trovata. Con il tempo sono stati resi noti i nomi di tre dei cinque Waldos: Mark Gravitch, Dave Reddix e Steve Capper che hanno spiegato che, nonostante non abbiano mai trovato le montagne verdi, avessero preso l’abitudine di utilizzare il codice 420 per darsi l’appuntamento per fumare l’erba ed in seguito come sinonimo di tutto quanto correlato alla marijuana.

I cinque inoltre all’epoca facevano parte del giro della band dei Grateful Dead perché il fratello maggiore di Dave era amico del bassista del gruppo. Furono proprio i Grateul Dead a rendere popolare il termine 420 e a diffondere il suo significato relativo al consumo di marijuana. C’è però anche un’altra storia, che qualcuno ha letto su un volantino che veniva dato ad un concerto dei Grateful Dead, secondo questa storia 420 sarebbe il codice identificativo della polizia per avvertire che qualcuno stava fumando marijuana.

420 significato storia - 1

Questa però sembra essere una leggenda metropolitana senza fondamento perché il 420 non è il codice del “Pot Smoking in progress“.  I Waldos invece avrebbero le prove concrete di essere gli inventori del termine, ad esempio da qualche parte è conservata una bandierina con cuciti sopra i numero 420 che i cinque erano soliti portare in giro ed altri memorabilia tra cui alcune lettere che i Waldos si spedirono in quegli anni dove si fa riferimento al codice segreto dei fumatori d’erba. Questo pezzo dell’Huffington Post, oltre a raccontare la “vera” storia dei cinque Waldos e di come il 420 sia stato seminato in giro per il modo dai Grateful Dead ci fa conoscere anche alcune curiosità, ad esempio il fatto che in Pulp Fiction molti orologi, soprattutto quello del Colonnello interpretato da Christopher Walken, segnino le quattro e venti. Oppure che un concorrente della versione americana di Ok il prezzo è giusto è diventato famoso per aver puntato sempre 420 dollari o 1.420 dollari (anche se in realtà avrebbe dovuto postare 1.620 per essere davvero preciso). Buon pomeriggio a tutti.

 

0 commenti per “Perché il 20 aprile è il giorno della marijuana”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche