Il cane che è rimasto accanto alla neonata finché non è morta

Gracie era come una mamma per la piccola Nora. E prima che morisse è riuscita a salutarla

cane

Quando una madre e un padre del Minnesota hanno scoperto che la loro bambina di 5 mesi non sarebbe sopravvissuta, sapevano solamente quale sarebbe stata l’unica cosa che li avrebbe fatti stare un pochino meglio: il loro cane. La piccola Nora Hall ha avuto un ictus il 6 Aprile. La sua famiglia ha raccontato che le ha causato danni al cervello, Mary Hall, la madre di Nora ha anche detto che la piccola era nata con un anomalia ai vasi sanguigni.

Quando la famiglia ha dato il benvenuto a Nora, pochissimi mesi fa, i loro cani, Gracie and Grumpy, si sono immediatamente innamorati di lei. “Gracie in particolare si comportava da madre con lei. Ogni volta che Nora piangeva, Gracie correva a controllare cosa non andasse. Era sempre vicino a Nora e la baciava assicurandosi che stesse bene.” I dottori al Children’s Hospital di Minneapolis hanno dato la devastante notizia ai genitori di Nora e hanno chiesto se ci fosse qualcosa che potessero fare per rendere l’addio un po’ più semplice e loro hanno chiesto di poter portare i loro cani vicino alla neonata. “Non volevo tornare a casa e guardarli annusare in cerca di Nora senza che sapessero che se ne era andata” ha detto Mary a Kiro7. I cani si sono sdraiati accanto a lei, come se sapessero che qualcosa non andava. “È stato molto confortante averli attorno. Ma alla fine del primo giorno erano stressati e depressi. Normalmente sono molto allegri e giocosi. Sapevamo che sentivano che c’era qualcosa che non andava.”

In un post strappalacrime pubblicato su Facebook, Mary ha dato l’ultimo addio alla sua piccola bambina. “Riposa ora e proteggici fino a che non potremo stare tutti insieme e sentire la tua risata, abbracciarti, baciarti e stringerti di nuovo”.

Autore: Noemi Usai

Sono nata a Roma ho 21 anni e studio canto. E collaboro a Superstarz!

0 commenti per “Il cane che è rimasto accanto alla neonata finché non è morta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche