What a wonderful world: il duetto di Ale e Sergio sul bullismo

Fiumi di lacrime per Ale che balla vittima dei bulli e Sergio che canta What a wonderful world a Amici 15. Perché tutti vorremmo essere salvati da un amico

what a wonderful world video duetto ale sergio amici

Fiumi di lacrime per il duetto di Ale e Sergio sul bullismo a Amici 15. Forse la più bella esibizione di questa edizione di Amici. Alessio Gaudino balla rappresentando un vittima dei bulli che diventa inerme non perché siano invincibili, ma perché è solo. Tutti gli voltano le spalle facendo finta di niente e lasciando Ale sballottato qua e là, non solo da chi vuole fargli del male ma anche dall’indifferenza. Sergio, che interpreta What a wonderful world seduto al tavolo di un’immaginaria mensa scolastica, è l’unico che alla fine si alza e decide che insieme il bullismo si può sconfiggere. Preparate i fazzoletti perché prima o poi tutti noi siamo stati vittime di un sopruso. E perché tutti in quel momento avremmo voluto avere un amico che ci proteggesse e ci portasse via da tutto quel male.

What a wonderful world: il duetto di Ale e Sergio sul bullismo VIDEO

What a wonderful world: il duetto di Ale e… di superstarz_com

WHAT A WONDERFUL WORLD: IL DUETTO DI ALE E SERGIO SUL BULLISMO A AMICI 15 – Non a caso il duetto è stato interrotto più volte dagli applausi, e J-Ax, anche lui bullizzato quando era a scuola, ha iniziato a piangere visibilmente commosso. Anche la voce di Sergio ad un certo punto sembrava rotta dall’emozione, forse perché, come ha spiegato nel daytime, sa cosa significa essere trattati così.

SERGIO DI AMICI RACCONTA DI ESSERE STATO VITTIMA DI BULLISMO – Nella puntata di Amici 15 andata in onda sabato Alessio Gaudino ha ballato sulle note di “What a Wonderful World” cantata da Sergio. Il pezzo racconta una storia di bullismo ed è stato sicuramente molto emozionante per tutti, ma soprattutto per il cantante della squadra blu. Infatti dietro le quinte del programma ha raccontato di come lui stesso da bambino, nonostante vedendolo così grande e grosso nessuno lo direbbe, non ha passato proprio bei momenti a scuola per colpa di una situazione pesante.

Io sono molto antibullismo, non mi piace per niente. Anche io da piccolo, quando non ero alto e grosso, subivo atti del genere, queste storie erano vicine a me a 10 anni quando andavo a scuola. Io sono mezzo messicano e mezzo nero, e in quel momento i neri in America non andavano molto d’accordo con i messicani per il problema degli immigranti e quindi i neri mi prendevano in giro a scuola dicendomi cose pesanti e cose razziste. Mi avevano fatto vergognare di essere messicano. Quando sei così piccolo non sai che fare, con chi parlare, quindi mi vergognavo anche di stare con mia mamma. Non mi piace per niente l’idea della violenza, di una persona che fa male a un’altra. Ci sono tante persone che vivono questo problema che è brutto brutto brutto e io vorrei solamente un mondo con meno invidia, con meno razzismo. Ogni giorno tratto le persone bene perché voglio che trattino bene me. Vorrei um mondo con più amore, secondo non c’è limite all’amore, secondo me non diciamo abbastanza ti voglio bene. Possiamo aiutare di più, fare di più. Se vedi un ragazzo seduto da solo a scuola prendi il tuo piatto e inizia a parlare con lui magari trovi qualcosa che ti piace.

Guarda il video in cui Sergio racconta del bullismo:

Sergio di Amici racconta di essere stato… di superstarz_com

Tags:

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “What a wonderful world: il duetto di Ale e Sergio sul bullismo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche