Kim Kardashian è un agente segreto?

La modella, attrice, showgirl, imprenditrice e chi più ne ha più ne metta sarebbe una spia al servizio di Instagram e vorrebbe distruggere l’Iran

kim kardashian spia iran - 3

Per molte donne Kim Kardashian è un modello da imitare, è ricca, è famosa, è sposata con un uomo ricco e famoso ed ha un fisico che – in molti – ritengono invidiabile. Per tante altre persone invece la moglie di Kanye West è il simbolo di tutto quello che c’è di sbagliato nella nostra società: la fama della Kardashian non è dovuta a nessun talento particolare (se si esclude il fatto di essere ricca di famiglia), il fatto che sia un’imprenditrice di successo (facile quando si è già ricchi) e soprattutto il fatto che sia onnipresente e che ci costringa a sapere tutto della sua vita privata, volenti o nolenti.

kim kardashian spia iran - 1

Una brava spia apprezza i sigari di qualità

INSTAGRAM VUOLE DISTRUGGERE LA RIVOLUZIONE IRANIANA – Il profilo della Kardashian non è proprio quello dell’agente segreto, eppure c’è chi in Iran ritiene che Kim faccia parte di un’organizzazione che tramite Instagram opera al fine di corrompere le giovani donne promuovendo stili di vita alternativi al modello della donna islamica. Che in Iran abbiano un cattivo rapporto con l’internet e la libertà di postare in rete è cosa abbastanza nota, ma l’ipotesi di una Kardashian nelle vesti (o meglio senza le vesti) di 007 appare davvero incredibile, eppure è così. A rivelarlo è Vanity Fair che riporta una notizia battuta da Iran Wire. Secondo le Guardie della Rivoluzione, l’apparato statale che si occupa di sorvegliare che le influenze del mondo Occidentale non turbino il corretto svolgimento della rivoluzione khomeinista Instagram avrebbe assoldato alcune influenti personalità del mondo dello spettacolo per favorire la penetrazione nel paese degli Ayatollah di modelli di vita non conformi ai dettami di Khomeini.

kim kardashian spia iran - 2

Kim Kardashian intenta a promuovere la promiscuità

Naturalmente la Kardashian (che è di origine armena) non è l’unica al soldo del social e in questi mesi gli account Facebook e Twitter (350 in tutto) di diverse modelle di origine iraniana sarebbero stati fatti bersaglio di attacchi mirati ad oscurarli o a cancellarli nell’ambito di due operazioni (denominate Operation Spider 1 e 2) del servizio di Cybersicurezza persiano. L’accusa è quella di promuovere uno stile di vita promiscuo (ed in effetti la Kardashian un po’ promiscua lo è) che mette in serio pericolo l’immagine della famiglia tradizionale e soprattutto che incita le giovani donne a pubblicare immagini sconvenienti (ovvero nudi). A quanto pare quindi gli agenti dei servizi di sicurezza iraniani non hanno in mente di colpire direttamente la Kardashian ma si limitano per ora a stanare le cittadine iraniane (espatriate e non) che postano contenuti contrari alla pubblica decenza. L’accusa alla Kardashian sembra essere più un pretesto per poter agire. Sono davvero finiti i bei tempi in cui il Grande Satana era uno ed era a stelle e strisce. Ora ci sono solo tanti piccoli demoni digitali.

0 commenti per “Kim Kardashian è un agente segreto?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche