Il video della ragazza nuda alla stazione di polizia

stazione di polizia

Un bizzarro filmato ha catturato il momento in cui una donna si è spogliata in una stazione di polizia per discutere con gli agenti. La donna non identificata aveva indosso solo il suo reggiseno come potete vedere dal video pubblicato da Unilad. La scena è stata ripresa dalle telecamere della stazione di polizia di Ahmedabad, la più grande città Indiana nella regione Gujarat. Alcuni commenti sotto al video hanno fatto intuire che la donna facesse parte della comunità transgender indiana che spesso vive ai margini della società senza opportunità di lavoro. La nudità pubblica in India è un vero crimine punibile con la reclusione in prigione. Di certo non sono cose che si vedono tutti i giorni!

Guarda il video della ragazza nuda alla stazione di polizia:

LA DONNA CHE USA LE TETTE COME ARMA – Se siete incastrate in una brutta situazione sembra che le tette siano l’arma migliore. In questo video pubblicato da Unilad, una donna usa le tette come arma mentre lottava contro una guardia che le aveva proibito di fumare in un negozio. La scena inizia con la donna che cammina dentro l’edificio con una sigaretta, la guardia la segue e le dice che non si può fumare entro il negozio. La donna non contenta di quel divieto lo spinge contro un angolo, ma la guardia prende la donna di forza, la mette sulle sue spalle e la porta fuori dal negozio. La donna nel video, dopo aver tirato un bicchiere d’acqua addosso alla guardia, risponde “non provare a mettermi le mani addosso o ci vediamo in tribunale”. Non è chiaro se la donna si sia alzata la maglietta prima o dopo aver detto questa frase, la guardia sembra confusa e la donna gli lancia il suo top contro. Lui lo raccoglie cercando di coprirle il seno, ma probabilmente questa mossa lo porterà lo stesso in tribunale!

Guarda il video della donna che usa le tette come arma:
.

Autore: Noemi Usai

Sono nata a Roma ho 21 anni e studio canto. E collaboro a Superstarz!

0 commenti per “Il video della ragazza nuda alla stazione di polizia”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche