“Che ce frega dei morti in Puglia, noi volemo Temptation Island”

Temptation Island non va in onda per rispetto delle vittime dell’incidente tra treni in Puglia? Come topi di notte escono fuori orde di fan arrabbiati perché non hanno potuto vedere culi, tette e strusciamenti vari come se niente fosse

temptation island puglia

La terza puntata di Temptation Island, che doveva andare in onda ieri sera, è stata posticipata per rispetto alle vittime dell’incidente tra treni in Puglia. È stato lo stesso account ufficiale del programma ad annunciarlo:

“Per rispetto di quanto successo oggi in Puglia Temptation Island non andrà in onda” spiega il tweet del reality. E noi di Superstarz non potremmo essere più d’accordo visto che abbiamo chiesto proprio questo in un tweet nel pomeriggio di ieri prima dell’annuncio ufficiale:

Ma non per tutti una cosa talmente sacrosanta è stata giusta. Diversi fan di Temptation Island si sono lamentati della mancata messa in onda del programma: come topi di notte sono uscite fuori orde di spettatori arrabbiati perché non hanno potuto vedere culi, tette e strusciamenti vari come se niente fosse:

“Nn mi pare abbiano sospeso la partita dell’Italia quando quelli dell’isis hanno ucciso i 10 italiani”

C’è chi commenta: “Io sono d’accordo ma solo se fanno il Tg in prima serata, perché non mandare in onda un programma per trasmetterne un altro o un film non ha veramente senso”.

E chi scrive: “Solita ipocrisia italiana, domani manco si ricorderanno quello che è successo, e tornerà tutto come prima o peggio… the show must go on!”.

Ma c’è anche chi si infuria per queste reazioni: “Un minimo di rispetto x le persone morte ma c’è’ l’avete la dignità’ o pensate solo ai fatti vostri?”.

La cosa più soprendente è che, almeno in parte, chi ha sostenuto la tesi che il programma dovesse essere mandato in onda neanche sapeva cosa fosse successo:

E così anche senza andare in onda Temptation Island è riuscito a trendare su Twitter:


Temptation Island è un programma registrato, completamente “di intrattenimento” e Mediaset era in piena facoltà di rimandarlo. A differenza della partita dell’Italia dopo la strage di Dacca.

Tags:

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per ““Che ce frega dei morti in Puglia, noi volemo Temptation Island””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche