Kim Kardashian e Kayne West potrebbero andare in prigione per quello che hanno fatto a Taylor Swift?

Se i due hanno infranto il codice penale della California, dove è illegale registrare le telefonate se entrambe le parti non sono d’accordo, potrebbero beccarsi fino a tre anni di prigione.

kanye west

Sembra che il giorno di gloria di Kim Kardashian e Kayne West stia per finire presto e prendere una brutta piega. Il team di Taylor Swift ha dichiarato che lei non aveva dato il permesso di registrare la conversazione telefonica. E se i due hanno infranto il codice penale della California, dove è illegale registrare le telefonate se entrambe le parti non sono d’accordo, potrebbero beccarsi fino a tre anni di prigione.

La telefonata incriminata di Kim Kardashian e Kayne West:

“Secondo il team di Taylor, Kayne e Kim hanno infranto la legge. Sono in missione per distruggere Taylor, ma potrebbero esserci gravi conseguenze perché la telefonata è stata fatta in California dove è illegale registrare le telefonate senza permesso” ha raccontato una fonte a Metro. “Non hanno chiesto il permesso a Taylor e potrebbe essere considerato un crimine che può portare la reclusione fino a tre anni”.

KIM KARDASHIAN E KAYNE WEST CONTRO TAYLOR SWIFT – Dopo un mese in cui diceva di avere le prove che Taylor Swift aveva dato l’ok a Kayne West per poterla nominare in “Famous”, Kim Kardashian ha finalmente rilasciato il filmato su Snapchat. Come potete vedere nei mini video, no è solo Kanye a chiedere il permesso a Taylor per la frase nella canzone, la Swift è d’accordo con la richiesta ed è super grata che lui l’abbia chiamata per chiederglielo. La cantante gli da la sua benedizione per usare la frase che Kayne pensava fosse meglio per la canzone, e sì, questo include il riferimento al fatto che lui l’ha resa famosa e la possibilità che i due siano andati a letto insieme. I due infatti sembrano essere diventati molto amici dopo l’incidente dei VMAs qualche anno prima e Taylor ripete più volte quanto rispetto ha per Kayne durante la chiamata.

Kim Kardashian Taylor Swift Kayne West

 

Dice anche che se qualcuno le avrebbe chiesto della frase in “Famous” avrebbe ammesso tranquillamente che Kayne l’aveva chiamata in anticipo e che non c’era nessun problema tra di loro, ed ha persino detto che la frase sarebbe stata un complimento. Qui sotto potete leggere la conversazione estratta dai video pubblicati da Cosmpolitan.

Kayne: Hai ancora il numero di Nashville?

Taylor: Ho ancora il codice dell’area di Nashville, ma ho dovuto cambiarlo.

Kayne. “For all my south side n***as that know me best / I feel like me and Taylor might still have sex.” Questa credo che sia una bella cosa.

Taylor: È una specie di complimento.

Kayne: Non mi importa di questo, mi importa di te come persona e amica

Taylor: È molto dolce da parte tua

Kanye: Qualsiasi cosa ti faccia stare bene, non voglio fare rap che faccia soffrire le persone

Taylor: Sì, scegli la frase che pensi sia migliore, in ogni caso sarebbe spinosa. E apprezzo davvero che tu me lo abbia detto.

Kanye: Ho pensato di avere delle responsabilità in quanto tuo amico, grazie per essere così tranquilla a riguardo

Taylor: Grazie, apprezzo molto questa cosa. Non mi sarei mai aspettata che mi chiedessi il permesso per una frase nella tua canzone. E i fiori che mi hai mandato? L’ho messi su Instagram ed è la foto che ha ricevuto più like di sempre.

Kayne: Le relazioni sono più importanti di frasi ad effetto, no?

Taylor: Non penso che qualcuno senta la frase e pensi, è un vero “affossamento”, avrà pianto sentendola… Devi raccontare la storia per come è successa, per come l’hai vissuta tu. Come se tu non sapessi chi ero prima di quello che è successo. Non importa se ho venduto 7 milioni di album prima che tu facessi quello che hai fatto, il che è successo. Non lo sapevi, e va bene… Ti rispetto molto e sono molto felice di sapere che tu rispetti me, chiamandomi e chiedendomi della canzone.È una cosa davvero bella e una dimostrazione di vera amicizia, quindi grazie.

Kayne: Grazie a te

Taylor: E sai, se qualcuno mi chiederà di questa cosa penso sarebbe bello dire ‘Guarda, mi ha chiamato prima di far uscire la canzone. Tipo, scherzetto ragazzi, tra di noi è tutto apposto.’ Volete chiamarla una faida? Ma dopo che la canzone uscirà sarò sul tappeto dei Grammy e se mi chiederanno qualcosa a riguardo risponderò tipo ‘Mi ha chiamato

LA RISPOSTA DI TAYLOR SWIFT – Meno di un ora dopo che Kim Kardashian ha postato il video di Kayne West che chiedeva l’approvazione di Taylor Swift per la frase in “Famous”, la cantante ha risposto con un post sul suo profilo Instagram. Secondo la sua versione, lui non gli aveva mai detto che si sarebbe riferito a lei come una “puttana” e che non le ha mai fatto ascoltare la canzone prima di rilasciarla.

That moment when Kanye West secretly records your phone call, then Kim posts it on the Internet.

Una foto pubblicata da Taylor Swift (@taylorswift) in data:

“Dov’è il video in cui Kayne mi dice che mi avrebbe chiamata “puttana”?” inizia il discorso di Taylor. “Non esiste, perché non è mai successo. Non puoi controllare la reazione di una persona che viene chiamata in quel modo davanti al mondo intero. Ovviamente volevo che mi piacesse la canzone. Volevo credere a Kayne quando mi diceva che avrei amato la canzone. Volevo che ci fosse un’amicizia tra di noi. Mi aveva promesso che mi avrebbe fatto ascoltare prima la canzone, ma non l’ha mai fatto.”

Taylor ha poi continuato dicendo di aver provato a supportare Kayne quando l’ha chiamata per la “benedizione” della traccia, ma è stato impossibile per lei farlo davvero quando ha capito che non l’avrebbe mai sentita prima del rilascio. “Farmi passare per una bugiarda quando non si sa tutta la storia è un assassinio alla mia persona.” ha concluso la cantante.

Autore: Noemi Usai

Sono nata a Roma ho 21 anni e studio canto. E collaboro a Superstarz!

0 commenti per “Kim Kardashian e Kayne West potrebbero andare in prigione per quello che hanno fatto a Taylor Swift?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche