Sonia Bruganelli, Paolo Bonolis e il vero motivo per usare un aereo privato

La moglie di Bonolis, Sonia Bruganelli, dopo le polemiche fa notare l’ovvio. Quell’aereo serviva per “far stare comodi i bambini”. Anche Silvia, la figlia malata di Sonia e Bonolis

SONIA BRUGANELLI AEREO PRIVATO FIGLIA MALATA BONOLIS

Sonia Bruganelli, moglie di Paolo Bonolis, in un’intervista a Cinzia Marongiou su Tiscali spiega perché la polemica per la foto sull’aereo privato è inutile:

“Questa vicenda non ha senso – ha detto -. Non sono una donna che nasconde quello che vive, nel bene e nel male. Anzi, a dir la verità, il male e certe dinamiche tendo a tenerle per me. Questa è la nostra vita. A viaggiare eravamo 12 persone e, come ha annotato Marco Salvati (autore tv e amico della coppia), il costo del noleggio di un piccolo aereo privato è leggermente superiore a quello della somma dei biglietti aerei che avremmo dovuto comprare. Abbiamo scelto una soluzione più comoda, soprattutto per i bambini. Tutto qui”.

“Posso avere una borsa firmata e non vedo il problema. Così come non vedo il problema nel pubblicarne l’immagine sul mio account. Che io lo faccia o non lo faccia, questo non permetterà a qualcun altro di potersela permettere quella borsa. E allora? Meglio l’ipocrisia di chi si nasconde? In particolare su Instagram si preferisce criticare quei profili con molta popolarità in modo da vivere unn popolarità riflessa. Che so, Elena Santarelli ha un milione di follower. Quindi chi la critica può sperare di avere attenzione e popolarità di riflesso”

“Paolo mi dice: ‘Continui con questa roba? Sei una persona intelligente perché non lasci perdere?’. Ma nel mio caso quella di comunicare sui social la mia vita è una modalità a cui non vorrei rinunciare. Non vedo cosa ci sia di male nel fare una battuta o nel postare un’immagine. E comunque tutta questa faccenda non va drammatizzata. So perfettamente come funziona: chi vorrebbe avere una vita diversa da quella che ha, spera con un commento negativo di avere quella popolarità che altrimenti gli è negata. Non è la prima volta e non sarà l’ultima. Di sicuro non pubblicherò foto che mi ritraggono mentre preparo il minestrone. Ognuno è fatto a modo suo e sceglie di condividere con gli altri ciò che vuole”

Quello che la Bruganelli non dice esplicitamente è che è sopratutto uno dei bambini ad aver bisogno di maggiore tutela e comodità. Silvia, la figlia di Bonolis che ha un deficit motorio dalla nascita.

SONIA BRUGANELLI SPIEGA COSA HA SILVIA, LA FIGLIA MALATA DI PAOLO BONOLIS – “La mia maternità è nata in salita, la nostra prima figlia Silvia è nata con una cardiopatia: una disabilità non è augurabile, ma la forza che questi bambini hanno sia poi per le famiglie fonte all’inizio di enormi difficoltà ma poi sia la possibilità di comprensione della vita in maniera un po’ diversa. Le cose sono più complicate, ma questi bambini sono fonte di gioia. È un percorso che non avrei scelto, ma tornando indietro la rivivrei esattamente così”. Sonia Bruganellli parla della disabilità della figlia Silvia Bonolis al Tempo delle Donne e lancia un appello: “Le famiglie hanno bisogno di aiuto”

Sonia Bruganelli, la moglie di Paolo Bonolis aveva parla per la prima volta della figlia malata Silvia Bonolis a Gente:

 

silvia bonolis figlia malata paolo bonolis

Sonia la accarezza dolcemente, ha un’attenzione più premurosa verso questa bimba delicata che oggi, a 12 anni, dopo un percorso tortuoso, durante il quale è stata protetta e amata in modo speciale dalla sua famiglia, sta raccogliendo frutti e conquiste che commuovono. Silvia ha grandi occhioni celesti che scrutano tutto. Cerca spesso la mano della sua mamma che, intuendo il nostro desiderio di conoscere meglio la sua bambina,per la prima volta racconta: «Silvia ha avuto un percorso molto più complesso rispetto ai suoi fratelli. È partita in salita.Appena nata è stata sottoposta a un intervento al cuore. Il post operatorio è stato problematico e l’ha portata ad avere un po’ di ritardi nell’iter di crescita. Abbiamo faticato molto, ma ora stiamo gioendo di tutti i suoi progressi. Grazie a un costante supporto di logopedia e di fisioterapia per la riabilitazione, Silvia diventa ogni giorno più autonoma e aggiunge un tassello importante al suo cammino», spiega Sonia. «Il mio primo timore è stato: “Come riuscirò e, soprattutto,riuscirò a comunicare con mia figlia?”. Io lo speravo, non mi arrendevo all’ideache sarebbe potuto non accadere. E ho fatto bene a dare fiducia al tempo e alle cure. Oggi posso dire: sì, ce l’abbiamo fatta. Riesco a comunicare con Silvia. Lei capisce tutto e dice la sua. Ma soprattutto migliorerà ancora. Un grande traguardo per lei, per noi e per coloro che ci hanno seguito e sostenuto in questi anni».

SILVIA, LA FIGLIA MALATA DI PAOLO BONOLIS E GLI ONE DIRECTION – Mesi fa Silvia Bonolis era stata attaccata su Twitter per una foto con gli One Direction (tutta la storia qui)

Domenica scorsa, è stato registrato a Roma il programma che verrà mandato in onda il 18 dicembre su Italia Uno dedicato agli One Direction. Le directioners che hanno potuto partecipare al programma sono state solo 300 e purtroppo molte delle fan della famosa boyband sono dovute rimanere a casa o fuori dagli studi sperando di intravederli. Le figlie di Paolo Bonolis però, famoso conduttore italiano, però a quanto pare non hanno dovuto fare grandi file, e hanno ottenuto una bella foto con i One Direction nel backstage che ha fatto il giro del web negli ultimi due giorni. Non c’è nemmeno bisogno di dire quello che hanno scatenato le directioners, famose per la loro rabbia nei confronti di chi riesce ad incontrare i loro idoli.

directioners

Guarda i tweet contro la figlia di Paolo Bonolis:

SuperstarzGallery clicca per ingrandire le immagini

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “Sonia Bruganelli, Paolo Bonolis e il vero motivo per usare un aereo privato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche