Il ritorno di Andrea Alongi

Andrea Alongi ha un paio di cose da dire a quelli che non lo lasciano in pace e ha girato un nuovo video per dare appuntamento a tutti quelli che gli rompono le scatole

Andrea Alongi (4)

Andrea Alongi è tornato. È l’eroe che tutti stanno aspettando? No. Perché Andrea Alongi è solo un meme. Della sua storia, o di quella di Emmanuel Bonsu, non interessa a nessuno. Quello che piace è che ci sia qualcuno che ad un processo se ne è uscito con frasi come “la Municipale fa le multe, dai” oppure ha parlato con aria sognante di una “Mazda bella da dio” e ha fatto conoscere a chi non è del Nord Italia l’esistenza del termine “Saccagnato”.

 

DAI MOLLA OH – Da settimane l’Internet lo sta cercando ma lui non ha un account su Facebook o su Twitter. Da quando però è stato intervistato dalla Gazzetta di Parma ne hanno parlato tutti. Qualcuno ha capito poco o niente, come Linus e Nicola a DeeJay Chiama Italia che non sono riusciti a dare le informazioni corrette sul caso (Bonsu non è tunisino né nordafricano ma ghanese, non c’è l’avvocato difensore di Alongi – che è testimone – ma dei poliziotti incriminati). Radio 105 riferisce invece che il caso nel quale Alongi è coinvolto sarebbe “un piccolo caso di cronaca”. In qualche modo in molti sono riusciti a raggiungerlo per un’intervista o un commento.

andrea alongi radio 105 - 1

Un “piccolo” caso di cronaca per radio 105

Il ritratto che radio 105 fa di Andrea – con la sua forse inconsapevole collaborazione – è quello di una persona sola, autolesionista che vive ai margini della società e lontano da tutti. Mancavano giusto i violini di Studio Aperto per rendere la cosa più patetica, ma niente paura perché poi i nostri eroi sdrammatizzano tutto dicendo: dai ti portiamo a scopare!1  Forse è per questo che in qualche modo Andrea Alongi è riuscito a far arrivare un suo messaggio all’Internet. Si tratta di un breve video dove Alongi compare con i soliti bragoni larghi e le crocs verde militare d’ordinanza per gli effettivi della Chairborne. Andrea invita tutti quelli che gli rompono il cazzo a presentarsi a casa sua a “risolvere” la questione a colpi di coltelli (dei quali denota una discreta conoscenza dell’Internet) o altre armi a vostra scelta. Naturalmente l’Interwebs ha accolto con grida di giubilo il nuovo video del suo profeta. La nostra speranza è che passata l’estate – come auspicava lo stesso Andrea in un’intervista – la gente si dimenticherà di lui e lo lascerà in pace.

Tags:

0 commenti per “Il ritorno di Andrea Alongi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche