Mastrota spiega la differenza tra lui e Renzi “televenditore”

E offre alle donne desiderose di “incontrarlo”: «Voglio rovinarmi: alle prime dieci do in omaggio anche il guanciale in piuma d’oca… Ahahahaha».

mastrota le iene

Giorgio Mastrota, il re delle televendite in un’intervista al Giornale parla del paragone frequente tra lui e Renzi “televenditore”:

A un televenditore non interessando i dati Auditel, guarda invece i dati delle vendite dei prodotti che reclamizza?
«Anche noi abbiamo il nostro borsino. Una sorta di fixing che risente anche di quanto accade nel mondo».

Vuol dire che dopo un attentato dell’Isis si vendono meno materassi, pentole e box doccia?
«È così. Quando nel Paese si crea un clima di allarme, le vendite calano».

A proposito di allarme, in Italia Renzi è stato paragonato a un televenditore «modello Mastrota». C’è del vero o è un gemellaggio improprio?
«C’è del vero. Renzi a volte si rivolge alla telecamera con l’atteggiamento di chi dice “venghino signori, venghino…”. Ma tra me e lui c’è una profonda differenza».

Quale?
«Io posso vendere i miei articoli aggiungendo la postilla “soddisfatti o rimborsati”. Lui no».

In effetti ai tanti italiani insoddisfatti da Renzi, nessuno li rimborsa.
«No, anche perché la specialità della politica non è vendere cose reali e concrete, ma solo tanto fumo, inteso ovviamente come promesse non mantenute».

Altra cosa che la accomuna a Renzi: le barzellette. In rete, sia su di lei che sul premier, ne circolano tantissime.
«Roba cattiva?».

Macché. La sa l’ultima sui «preliminari» di Mastrota?
«Questa mi manca…».

I preliminari prima di un rapporto con Giorgio Mastrota comprendono la descrizione del materasso. E in regalo, dopo il rapporto,un copriletto matrimoniale ricamato a mano.
«Voglio rovinarmi: alle prime dieci do in omaggio anche il guanciale in piuma d’oca… Ahahahaha».

Scherzo per scherzo, ricordiamo la gag a Le Iene dove Mastrota ha “sbattuto” sul letto la sua compagna di televendite:

A Le Iene è andato in onda un divertentissimo servizio in cui l’attore Pietro Pulcini si è prestato a fingere di essere una comparsa particolare: un disturbatore che si infila in ogni set e rovina la scena agli attori principali. Ma il climax del servizio è stato raggiunto quando Pulcini ha invaso il set della celeberrima televendita di materassi di Giorgio Mastrota urlando: “ma c’hai il materasso, c’hai la fica, ma fattela!”. Il conduttore senza battere ciglio ha risposto “E alloraaa! Facciamocela!”, simulando il gesto di portarla sul letto mentre la biondona urlava.

L’epico momento in cui Mastrota sbatte “la gnocca” sul materasso a Le Iene

Mastrota a Le Iene di superstarz_com

È scontato dire che quella vecchia volpe di Mastrota aveva capito tutto e che tutti scherzavano, compresa la ragazza

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “Mastrota spiega la differenza tra lui e Renzi “televenditore””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche