La risposta epica del cittadino di Amatrice a quelli che “gli immigrati in hotel e gli italiani in tenda”

Anche a voi sarà capitato di trovare qualcuno che dopo il terremoto abbia portato avanti la tesi “no agli immigrati in hotel e gli italiani in tenda”…

amatrice cittadino immigrati hotel

Probabilmente anche a voi sarà capitato di trovare qualcuno che dopo il terremoto abbia portato avanti la tesi “no agli immigrati in hotel e gli italiani in tenda”. Ebbene la risposta migliore per far capire quanto sia assurda questa argomentazione l’ha fornita proprio un cittadino di Amatrice. Ed è diventata virale con più di 4mila condivisioni. Censuriamo il suo nome perché immaginiamo che abbia altro da fare che venire tormentato da qualche esaltato. Ma forse ai gentisti non piacerà. Del resto, come spiega Next, non ci sarebbe stato bisogno di un’altra precisazione dopo la notizia dei richiedenti asilo volontari ad Amandola, uno dei centri marchigiani colpiti dal terremoto:

Venti richiedenti asilo, quasi tutti nordafricani, ospiti di una struttura gestita dal Gus (Gruppo di Umana Solidarietà) a Monteprandone (Ascoli Piceno), sono partiti volontari alla volta di Amandola, uno dei centri marchigiani colpiti dal terremoto, in supporto alla Protezione civile comunale, per prestare soccorso alla popolazione. ”Sono stati loro – ha detto Paolo Bernabucci del Gus – a chiedere di poter dare una mano in questo momento tragico per la regione che li ospita”.

gus monteprandone

Il GUS su Facebook ha pubblicato le ragioni della decisione:

Il GUS ha attivato subito un centro di ascolto e sostegno psicologico per supportare le famiglie colpite dal sisma e la popolazione tutta mentre nelle province interessate i presidi del Gus resteranno aperti a disposizione per assistenza e primo soccorso. Il GUS si è reso disponibile a tutti i sindaci dei Comuni che hanno subìto danni dal terremoto per fornire aiuto immediato e il sostegno necessario. Inoltre, molti ragazzi, richiedenti protezione internazionale, ospiti delle strutture e dei progetti di accoglienza del G.U.S., provenienti da tutte le Marche, hanno dato la propria disponibilità alla Protezione Civile e alla Prefettura di Ascoli Piceno a recarsi sui luoghi colpiti dal sisma e contribuire in prima persona, fornendo supporto alla popolazione colpita.

Il G.U.S. (Gruppo Umana Solidarietà), Organizzazione Non Governativa basata sulla laicità, la solidarietà e la giustizia sociale, dal 1993 interviene a supporto di popolazioni afflitte da guerre o calamità naturali. Anche oggi, così come in occasione dei terremoti in Umbria e nelle Marche, nel Molise e a L’Aquila, il GUS sta facendo la propria parte, in prima fila, come è nella storia e nelle radici della ONG ed ha immediatamente fornito il proprio sostegno alla popolazione colpita.

Ma visto che per alcuni ci vogliono le ripetizioni…

La risposta epica del cittadino di Amatrice a quelli che “gli immigrati in hotel e gli italiani in tenda”

amatriciano immigrati in tenda terremoto

 

E non è l’unico amatriciano a pensarla così:

 

amatrice immigrati tenda

Tags:

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “La risposta epica del cittadino di Amatrice a quelli che “gli immigrati in hotel e gli italiani in tenda””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche