Il ristorante dove il prezzo dell’amatriciana lo decidi tu (e il ricavato va TUTTO ai terremotati)

Il ristorante che vende l’amatriciana solidale si chiama The fisherman Burger e l’iniziativa si intitola “Un bucatino per Amatrice”

amatriciana terremotati

Amatrice è il paese inventore dell’amatriciana. Mentre alcuni vegani esultano per la tragedia che ha distrutto il paese, sono invece molte le iniziative per aiutare i terremotati proprio con la loro mitica ricetta. In particolare un ristorante a Roma promette di devolvere l’intero costo di un piatto di amatriciana. Quanti euro per ogni coperto? Lo decide il cliente, che può scegliere liberamente quanto pagare e quindi quanto donare:

Il ristorante si chiama The fisherman Burger e l’iniziativa “Un bucatino per Amatrice”. Speriamo sia tutto vero!

Su Facebook è stata anche lanciata un’iniziativa di raccolta fondi a sostegno dei terremotati con un appello ai ristoratori. Da domani e fino a domenica proprio ad Amatrice si sarebbe dovuto tenere l’annuale sagra dedicata agli spaghetti all’amatriciana che quest’anno festeggiava la 50esima edizione e per questo Paolo Campana, grafico e food blogger, ha lanciato un appello: “Bisogna muoversi veloci. Ci provo. Nei prossimi giorni ci doveva essere una festa e invece… lancio una proposta a tutti gli amici ristoratori. Nei prossimi giorni devolviamo tutti un euro per ogni piatto di amatriciana ordinato e consumato?!”. L’invito è stato subito raccolto e una serie di ristoratori hanno dato la loro disponibilità: un euro lo metteranno i clienti e un altro euro lo metteranno gli stessi ristoratori

La locandina dell’amatriciana per i terremotati

Tags:

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “Il ristorante dove il prezzo dell’amatriciana lo decidi tu (e il ricavato va TUTTO ai terremotati)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche