Gli omofobi contro Claudio Sona e il trono gay

C’è chi non si arrende all’idea che a Uomini e Donne si potrebbero vedere anche due uomini che si baciano. Qualcosa di diseducativo per i bambini, ci spiegano. Perché, il resto del programma invece insegna come si dà vita alla “famiglia naturale”?

Claudio Sona (3)

Ci siamo, è il momento del Trono Gay a Uomini e Donne. Qualche giorno fa sono stati presentati i quattro nuovi tronisti e tra loro c’è anche Claudio Sona il primo tronista (dichiaratamente) gay. Quando a fine maggio l’account Instagram del programma aveva dato l’annuncio che a settembre Maria De Filippi avrebbe condotto anche un trono gay ci fu una vera e propria sollevazione del Popolo della Rete contro i tronisti omosessuali.

 

Clarissa, Claudio, Riccardo e Claudio sono i nostri 4 nuovi tronisti. Pronti a conoscerli? Tra pochissimo su @wittytv #UominieDonne

Una foto pubblicata da Uomini e Donne (@uominiedonne) in data:


Per chi all’epoca avesse sperato che le cose potessero cambiare: non è così. Perché gli omofobi, anche di fronte al fatto che la produzione se ne è bellamente fregata delle loro autorevoli opinioni, invece che farsene una ragione e accettare che anche il programma più trash della televisione italiana possa avere dei concorrenti omosessuali sono tornati alla carica per spiegarci che “i froci a uomini e donne no”. Le ragioni sono sempre le stesse: non si possono mostrare i gay alle tre di pomeriggio, sarebbe invece meglio fare un trono gay fuori dalla fascia protetta, magari a notte fonda e su un canale dalla numerazione impossibile in modo che un bambino di due anni non possa nemmeno per sbaglio capitarci.

uomini e donne trono gay - 6

Perdere l’odience, quando viene sera…

Incredibilmente troviamo anche alcuni dei commentatori del passato, gente che ci spiegava che la famiglia è composta da uomo e donna oggi invece si preoccupa solo “dell’odience” e vorrebbe quasi un programma separato, in modo da segregare i gay in terza serata.

uomini e donne trono gay -4

C’è poi quello/a che la mette sul nominalismo: se si chiama uomini e donne non si possono far concorre uomini e uomini. Inutile far notare che nel programma frotte di uomini sognano di accoppiarsi con UNA donna (e viceversa). Sarebbe più opportuno chiamarlo Uomini e Donna, oppure Uomo e Donne. E gli esclusi cosa fanno? Il punto è che “Uomini e Donne” si riferisce al fatto che sono in gioco queste due categorie ma nulla dice rispetto agli accoppiamenti.

uomini e donne trono gay -1

Altri invece prendono le cose sul serio: ok le pari opportunità ma i gay devono trattare il trono con enorme serietà e delicatezza senza che cadino nel ridicolo. Perché il trono è una cosa seria.

uomini e donne trono gay -2

Così come è difficile spiegare ad un bambino di cinque anni perché due uomini si stanno baciando. Difficile quasi quanto spiegargli perché sua madre gli sta facendo vedere Uomini e Donne e non qualche programma più adatto alla sua età.

uomini e donne trono gay -3

Qualcuno pensi ai bambini, perché il problema delle mamme che li lasciano da soli davanti a Tina Cipollari è più grave del previsto.

uomini e donne trono gay - 7

Baciarsi nel pomeriggio? Ma è inaudito!

uomini e donne trono gay - 8

E che dire del complotto per mettere tronisti etero bruttini e proporne ora gay e stragnocchi? Ha a che fare qualcosa il gender per caso? Perché sembra tutta una subdola macchinazione di Maria De Filippi.

0 commenti per “Gli omofobi contro Claudio Sona e il trono gay”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche