Rosie e Ruby: le gemelle siamesi che rischiavano di morire si preparano per il loro primo giorno di scuola

Rosie e Ruby Formosa sono nate condividendo una parte dello stomaco e a quel tempo i medici dell’ospedale Great Ormond Street di Londra avevano detto ai genitoriche le chanche di sopravvivenza delle piccole erano molto basse

gemelle siamesi

Due gemelle siamesi che rischiavano di morire durante l’operazione per separarle, oggi si stanno preparando per il loro primo giorno di scuola provando le loro uniformi. Rosie e Ruby Formosa sono nate condividendo una parte dello stomaco e a quel tempo i dottori dell’ospedale Great Ormond Street di Londra avevano detto ai genitori, Angela e Daniel Formosa, che le chanche di sopravvivenza delle piccole erano molto basse. La procedura però è riuscita e le due bambine, che ora hanno quattro anni, si preparano per il loro primo giorno di scuola a Settembre.

Guarda le foto di Rosie e Ruby le gemelle siamesi:

SuperstarzGallery clicca per ingrandire le immagini

Angela, di Bexleyheath nel Kent, pensava che non avrebbe mai vissuto questo giorno e che non avrebbe mai avuto la gioia di vedere con i suoi occhi le sue due bambine scorrazzare felici in giardino con le nuove uniformi pronte per affrontare il primo giorno di scuola. “Quattro anni fa non avrei mai pensato che questo sarebbe mai successo” ha detto in un’intervista a Metro. Le due gemelle sono nate all’University College Hospital a Londra da un parto cesareo quando Angela era incinta di 34 settimane. Dopo un paio d’ore dalla loro nascita sono state trasportate al Great Ormond per un’operazione d’urgenza. Ci sono volute ben cinque ore per separare le due gemelline e oggi fortunatamente sono così felici ed emozionate e in salute. “Sono molto simili, sono determinate e forti” ha detto Angela, la madre delle gemelle siamesi.

Tags:

Autore: Noemi Usai

Sono nata a Roma ho 21 anni e studio canto. E collaboro a Superstarz!

0 commenti per “Rosie e Ruby: le gemelle siamesi che rischiavano di morire si preparano per il loro primo giorno di scuola”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche