Martina Dell’Ombra, è ora di farla finita?

Federica Cacciola due anni fa ha creato un personaggio divertente e irritante. Ma a furia di fare copia incolla della stessa idea ormai è solo noioso e stucchevole. It’s time to stop posting, Martina

martina dell'ombra - 1

Federica Cacciola, aka Martina Dell’Ombra è una delle tante webstar italiane. E come tutte le webstar sa fare una sola cosa e la fa in continuazione. Ora, è indiscutibile che il personaggio Martina Dell’Ombra continui a riscuotere un discreto successo, ma è altrettanto chiaro che è più prevedbile di una gag di Benny Hill. E anche Benny Hill faceva ridere. Ma che bisogno ha il mondo di migliaia di sketch di Benny Hill in cui il popolare comico cambia solo i vestiti? Nessuno.

IT’S BETTER TO BURN OUT THAN TO FADE AWAY – Quando Federica Cacciola ha creato il personaggio di Martina Dell’Ombra voleva prendere per il culo quelle ragazze molto chic e alla moda, quelle oche giulive, che sentivano l’irrefrenabile impulso a dire la propria tremenda e aberrante opinione, su qualsiasi cosa. Prima o poi tutti nella nostra vita abbiamo avuto la fortuna di avere una compagna di classe così. Ma mentre la compagna di classe “bella e scema” magari con gli anni è diventata meno scema da due anni Martina Dell’Ombra è rimasta sempre la stessa. Il personaggio non ha avuto alcuna evoluzione, si potrebbe guardare il primo video postato dalla Cacciola, quello sulla “scesa in campo” di Martina e non notare alcuna differenza con l’ultimo, quello postato due giorni fa a proposito del terremoto.

Ma in due anni anche i comici più scarsi (quelli che bazzicano tra le sagre di paese e Made in Sud) aggiornano il proprio repertorio, altrimenti il rischio è quello di scomparire. Certo, abbiamo esempi di comici che hanno sempre fatto la stessa cosa per tutta la vita ma si tratta di persone davvero famose, sostenute da un meccanismo (quello televisivo) che è più incline a perdonare la mancanza di originalità. Ora però da qualche tempo i post e i video di Martina Dell’Ombra si sono fatti così prevedibili che sarebbe possibile farne un generatore automatico. Anzi, spero per Federica che ne stia già usando uno, le risparmierebbe molta fatica. Il punto è che Martina Dell’Ombra è ormai divertente (o riesce a suscitare lo stesso fastidio) di quelli che postano su Facebook le foto delle vacanze (su Airbnb) scrivendo “Ciao poveri“. In aggiunta c’è da dire che la componente più forte della comicità della Cacciola, ovvero una critica sociale ironica e sbarazzina è ormai ferma al semplice concetto della scema che ha opinioni che nemmeno Charles Manson. Ma lo “shock” è durato poco, e quando si continua a ripetere la stessa scenetta anche la critica sociale risulta sempre più sbiadita. Senza contare che magari le vere Martine Dell’Ombra hanno probabilmente ormai superato quella fase.

IL SALTO DELLO SQUALO DELLE WEBSTAR – Nel mondo televisivo si fa riferimento ad un episodio di Happy Days, quello in cui il personaggio di Fonzie viene portato fuori contesto per saltare uno squalo con degli sci d’acqua, per spiegare il momento in cui gli autori di uno show di successo hanno finito le idee brillanti e iniziano a utilizzare trucchi ed espedienti per tenere viva l’attenzione del pubblico. Alle Webstar questo non succede, perché l’idea brillante di solito è solo una e viene declinata in un’infinità di variazioni sul tema. La cosa triste quindi è che non vedremo mai Federica Cacciola saltare uno squalo e saremo costretti a vederla sbiadire mentre ci propone l’ennesima copia, di una copia, di una copia di sé stessa.

Tags:

0 commenti per “Martina Dell’Ombra, è ora di farla finita?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche