La brutta fine della ragazza di “Stai facendo il video? Bravo”

Dopo un tentativo di suicidio Tiziana, la ragazza di “Stai facendo il video? Bravo” è stata costretta a cambiare completamente la sua vita

stai facendo il video bravo 2

Vi ricordate Tiziana, la ragazza del video “Bravoh”? Quel tormentone ancora ci perseguita. Ma quello che è successo alla protagonista del filmato è sicuramente peggio.

 

Tiziana Cantone dopo aver provato a rifarsi una vita non ce l’ha fatta e si è suicidata: Leggi qui la notizia

 

Ha dovuto cambiare identità come spiega La voce di Napoli:

E, invece, quell’ingenuità è costata l’identità a Tiziana Cantone, che da quel giorno, ha dovuto cambiare completamente la sua vita. Dopo il tormentone del video hard, di cui era protagonista, ha avuto diversi problemi. È stata perseguitata e presa in giro, per questo motivo decise di interrompere la sua vita sociale. Isolata dal mondo, cadde in depressione e tentò anche il suicidio. I suoi familiari le salvarono la vita in tempo.

Intanto, si sta svolgendo un processo al Tribunale Nord di Napoli. Il giudice, come primo provvedimento, ha approvato con un emendamento speciale il cambio d’identità della ragazza, in modo che nessuno più la riconosca. L’avvocato della Cantone, Roberta Foglia Manzillo ha provveduto a citare in giudizio Facebook Ireland, Yahoo Italia, Google e Youtube e le persone coinvolte nella diffusione del video.

L’accusa rivolta al social network da parte del giudice che si occupa del caso, Monica Marrazzo, è che non è stato levato immediatamente il video, dopo aver compreso che ledeva l’identità di una persona. Il social californiano, dal canto suo, assicura che sulla pagina creata non c’era nessun filmato, intanto un provvedimento d’urgenza ha invitato a rimuovere dal web qualsiasi pagina che faccia riferimento a Tiziana e al video.

Tiziana Cantone dopo aver provato a rifarsi una vita non ce l’ha fatta e si è suicidata: Leggi qui la notizia

LA STORIA DI “STAI FACENDO IL VIDEO? BRAVO!” – “Stai facendo un video? Bravo!” Se hai visto o sentito questa frase su Facebook e non sai perché tutti ripetono a manetta questa frase, ecco la spiegazione che attendevi. Tutto parte da un filmato hard di una certa Tiziana…che è diventato virale grazie a Whatsapp:

Lui, smartphone alla mano, sarebbe un rampollo della “Napoli bene”. Lei sposata o quantomeno fidanzata. Ecco il video che spopola in queste ore sui cellulari di molti napoletani e che sta diventando un fenomeno del web, sono nate infatti magliette, cover per cellulari e veri e propri fan club su facebook. Il passaggio che avrebbe scatenato l’effetto virale è relativo alla domanda della protagonista e l’affermazione immediatamente successiva: “Ma stai facendo un video? …. Bravo!

Da quel momento niente è stato più lo stesso. Sono nate pagine Facebook:

stai facendo il video bravo

 

 

stai facendo il video bravo 2

 

C’è la maglietta in vendita su eBay:

 

 

stai facendo il video bravo 1

 

 

E sopratutto sono nati una miriade di video parodia. La frase viene usata per innumerevoli meme:

stai facendo il video bravo 3

stai facendo il video bravo 4

 

stai facendo il video bravo 5

 

E la gente vuole sapere. Qual è la risposta alla domanda “Ma perché tutti dicono «Mi stai facendo un video? Bravo!»”? Anche su Yahoo Answers:

stai facendo il video bravo 6

 

E nei forum:

 

stai facendo il video bravo 7

 

Insomma la povera Tiziana è diventata una star suo malgrado, e probabilmente passerà un bel po’ di tempo prima che la sua performance e la sua frase cult vengano dimenticate. Cose che succedono ai tempi di Whatsapp. E dell’internet.

Tags:

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “La brutta fine della ragazza di “Stai facendo il video? Bravo””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche