Clemente Russo, il pugile amato da Saviano che insulta i gay al Grande Fratello

Clemente Russo è un grande campione, uno dei più grandi pesi massimi italiani. Ma quella battutina omofoba sui “friarelli-recchioncelli” al Grande Fratello difficilmente gliela perdoneremo

clemente russo grande fratello-vip-friariello-bosco-1

Clemente Russo è un campione, non c’è dubbio.  Come pugile ha vinto due argenti alle Olimpiadi e due ori ai Mondiali e sportivamente parlando ha una carriera di tutto rispetto. Pure Roberto Saviano qualche tempo fa gli dedicò un profilo parlando di lui come “il Sud che si riscatta”. Clemente Russo da Marcianise infatti incarna la promessa di rivincita della Terra dei Fuochi e anche in virtù dei suoi successi sportivi è diventato un modello per molti ragazzi napoletani.

UN CAMPIONE AMATO DA ROBERTO SAVIANO – Saviano nel 2008, alla vigilia della seconda Olimpiade di Russo raccontava la storia di Tatanka (così viene soprannominato) e della palestra dove ha mosso i primi passi nel mondo del pugilato, la Excelsior. A Pechino poi Clemente arriverà secondo, così come a Londra 2012. Quest’anno invece a Rio Clemente Russo è stato eliminato nella finale dei quarti. Non senza polemiche perché secondo il pugile campano ai suoi danni c’è stato un vero e proprio complotto da parte dei giudici che mirano invece a favorire gli atleti dell’Europa dell’Est. A trentaquattro anni forse Clemente Russo sa che forse non ci sarà una prossima Olimpiade e sognava di poter vincere quell’oro che gli manca da ormai troppo tempo. Ma di pari passo con la boxe – dove eccelle – Russo ha intrapreso una carriera televisiva e cinematografica.

Nel 2009 è protagonista di Tatanka, film tratto da un racconto di Roberto Saviano che narra la storia romanzata di un pugile molto simile a lui. Insomma Russo recitava sé stesso, e non gli è venuto nemmeno troppo male. Ha poi tentato la strada di un reality, il titolo era “Fratello maggiore” e l’intenzione era quella di essere d’aiuto ad una serie di ragazzini in difficoltà, strappandoli da una vita di strada e di violenza. È stato poi conduttore (per il programma comico Colorado) e scrittore di un libro autobiografico dal titolo abbastanza scontato: “Non abbiate paura di me”, ma a sua discolpa c’è da dire che Tatanka era già stato preso da Saviano. Campione nello sport e anche nella vita: Russo ha raccontato spesso che essendo cresciuto in una terra difficile ha dovuto presto imparare a fare i conti con la violenza vera, quella della criminalità. Ma ne è uscito indenne grazie allo sport e rispettando queste persone che fanno la loro scelta (ovvero i camorristi). L’importante è saper percorrere la propria strada.

clemente-russo-matrimonio-1clemente-russo-matrimonio-2

EROE DEL TRASH – Ma Russo è anche campione del trash. La foto del suo matrimonio (con Laura Maddaloni, sorella del campione olimpico di judo Pino Maddaloni) rimarrà per sempre negli annali degli eventi più trash del millennio, roba che in confronto le feste dei prediciottestimi sono una cosa sobria ed elegante. Quanti sono gli uomini che possono  permettersi di indossare un completo bianco con la tuba e inserti di pelliccia senza passare per Oscar Giannino o qualche altro dandy? Ben pochi. E del resto chi è che potrebbe dire a Russo “no tu non ti vesti così perché sennò sembri un friariello“? Nessuno.

Eppure è quello che ha detto Clemente a Bosco Cobos. Clemente Russo ovviamente non parlava dei famosi broccoli napoletani, ma ha usato questo nomignolo per deridere la sessualità di Cobos dicendolo chiaramente davanti alle telecamere del Grande Fratello Vip. Attualmente infatti il pugile è in forza alla squadra di rottami della televisione e del mondo dello spettacolo rinchiusi in quel cimitero degli elefanti che è il Grande Fratello Vip. Non è la prima volta che Russo insulta velatamente qualcuno. Di recente lo aveva fatto proprio dopo la sconfitta subita a Rio 2016 dove, riferendosi senza nominarlo all’ex-Pugile Patrizio Oliva, dicendo “E ora mi inc.. con gli stupidi ex pugili che fanno i commentatori” e ancora “ma è uno che fa lo stupido dopo essere stato campione e poi allenatore”. Che stesse già studiando la parte che deve recitare al Grande Fratello Vip?

0 commenti per “Clemente Russo, il pugile amato da Saviano che insulta i gay al Grande Fratello”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche