Mariam: la ragazza di origine musulmana a X Factor

mariam

Ieri è andata in onda l’ultima puntata delle audizioni di X Factor. Al centro dell’attenzione ieri sera c’è stata Mariam Hathouti, italiana di origine marocchina. La madre non vede di buon occhio la sua passione per il canto, perché la religione musulmana pensa male di questa disciplina. “Non dico che è peccato, ma non è ben visto”. Mariam non ha comunque mai rinunciato ad inseguire il suo sogno. Ed ha deciso di partecipare ad X Factor 10 contro tutti e tutti. “Mi era proibito cantare davanti alle persone, adesso che posso cantare mi sento libera” ha detto di fronte ai giudici. Dopo aver cantato Fallin di Alycia Keys il pubblico si è alzato in piedi, i giudici invece non sono stati tutti propensi per il sì.

Arisa ha subito apprezzato quello che Mariam era venuta a rappresentare sul palco ed ha detto di sì senza pensarci due volte. Alvaro Soler al contrario ha avuto qualche esitazione, ma dopo che la 21enne lo ha convinto di voler davvero competere ha detto di sì anche lui. Fedez non è rimasto convinto da Mariam al 100%. Secondo il rapper “bisogna dividere quello che è l’esibizione da quello che è la storia. Tu insegni che quando la passione incontra la musica regala più che libertà, libero arbitrio. Però c’è da valutare anche l’esibizione che non è stata impeccabile”. Infine Manuel Agnelli ha stupito tutti dicendo “la musica non è soltanto una performance, ma è il modo di reagire alla vita. A me non me ne frega un … della tua performance”.

Guarda il video dell’esibizione di Mariam

Il frontman è stato molto criticato per questa posizione. Infatti in molti hanno detto di non aver apprezzato il “sì” del giudice nei confronti di Mariam visto che vocalmente era tutto tranne che perfetta. Secondo voi Mariam meritava di passare o come Fedez pensate che l’esibizione conti più della sua storia?

Autore: Noemi Usai

Sono nata a Roma ho 21 anni e studio canto. E collaboro a Superstarz!

0 commenti per “Mariam: la ragazza di origine musulmana a X Factor”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche