Le ragazze sexy del Pen-Pineapple-Apple-Pen

Il PPAP challenge conquista l’oriente, e a vincere a colpi di tette e ammiccamenti sono un manipolo di ragazze che ne hanno fatto la versione sexy

Pen-Pineapple-Apple-Pen ppap sexy

In soli cinquantuno secondi Piko Taro aka Kosaka Daimaou è riuscito a creare un nuovo tormentone globale. Siccome siamo su Internet “tormentone” si scrive meme (e si pronuncia miim). Il meme in questione è quello della canzoncina Pen-Pineapple-Apple-Pen (PPAP) e delle relative “mosse di danza”.

È bastato davvero poco perché molti utenti decidessero di proporre le loro coreografie. E naturalmente ci è voluto ancora meno per poter vedere le prime versioni sexy della canzone.

TETTE MELE E PENNE – Tra le più gettonata c’è quella di Tawanrat Fah Chaiamnuay che con un sexy bikini rosa si massaggia i seni facendoci intendere che sono quelli le mele e gli ananas protagonisti della canzoncina. Ma ce ne sono molte di ragazze più o meno vestite che cantano in playback Pen-Pineapple-Apple-Pen

Alcune come Kaysee Gregorio (già da tempo protagonisti di una serie di video nei quali sfrutta le sue prorompenti rotondità) propongono anche un testo alternativo molto più esplicito ma dalla metrica davvero zoppicante (Pen Flower Dyoga Pen non suona mica così bene). Ma la metrica quando si raggiungono livelli come questo non è poi così rilevante.

Altri invece sono molto più normali, ma dal momento che le protagoniste sono ragazze vengono etichettati come “sexy”.

Qualcuno ha anche fatto una compilation con i migliori video Pen-Pineappple-Apple-Pen con la canzone in chiave R’n’B, e siamo subito dentro un video di R Kelly.

 

Pen-Pineappple-Apple-Pen: i meme sexy

 

Per il momento in oriente (soprattutto nelle Filippine) il fenomeno spopola, per fortuna da noi è quasi inverno quindi non dovremo subire i video delle ragazzine che fanno Pen pineapple apple pen in spiaggia. Anche se il terrore è che sia un nuovo filone come hammer time.

Tags:

0 commenti per “Le ragazze sexy del Pen-Pineapple-Apple-Pen”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche